PROFESSIONI

Il Ddl sulla malattia dei professionisti evita lo stop e prosegue l’iter in commissione

Il disegno di legge prevede il differimento dei termini per malattia o infortunio dei professionisti. La prossima settimana la discussione sugli emendamenti

di Federica Micardi

default onloading pic
(Paul Hill - Fotolia)

Il disegno di legge prevede il differimento dei termini per malattia o infortunio dei professionisti. La prossima settimana la discussione sugli emendamenti


2' di lettura

Il Ddl sulla malattia dei professionisti non si ferma. La conferenza dei capigruppo e la presidente del Senato Elisabetta Casellati hanno concesso una deroga, rispetto alle indicazioni date ai presidenti delle Commissioni di limitare i lavori alla conversione dei decreti legge e ai pareri sugli atti del governo connessi all'emergenza sanitaria in corso, dunque, il Ddl sulla malattia degli autonomi (As 1474), potrà continuare l'esame in Commissione Giustizia.
Soddisfatto il senatore Andrea de Bertoldi (FdI) primo firmatario del Ddl nato all'interno della Consulta dei parlamentari commercialisti e appoggiato da partiti di Governo e di opposizione, che ieri, con un post su Facebook, confidava nel buon senso dei colleghi.
La prossima settimana, anticipa de Bertoldi potrebbero già essere messi in votazione gli emendamenti. Ma le buone notizie non sono finite, «ieri – racconta de Bertoldi - il senatore Cucca, capogruppo di Italia Viva in Commissione giustizia, si è detto disponibile a proporre anche lui, come già fatto da noi, la sede deliberante, che accelererebbe ulteriormente i lavori».

La notizia di una sospensione della discussione del Ddl malattia aveva sollevato numerose proteste dalle professioni,tra cui commercialisti e periti industriali, visto che va a coprire un vuoto normativo in un diritto, quello della salute, garantito dalla Costituzione. Una richiesta di proroga è stata avanzata ieri alla presidente del Senato Casellati anche dagli esponenti di diversi partiti.

Loading...

Il disegno di legge prevede il differimento dei termini per malattia o infortunio dei professionisti e, sottolinea il presidente dei commercialisti Massimo Miani «è tanto più atteso in settimane come queste in cui l’emergenza pandemica sta mettendo a dura prova molti studi professionali alle prese con casi di positività o di quarantene».


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti