Il settore luxury. Sport premium.

Il debutto di Aston Martin Dbx riaccende la corsa dei super suv

La casa britannica lancia il suo primo modello a ruote alte che sfida apertamente Lamborghini Urus e le numerose vetture ad alte prestazioni delle case tedesche, inglesi e italiane

di Alfonso Rizzo

default onloading pic

La casa britannica lancia il suo primo modello a ruote alte che sfida apertamente Lamborghini Urus e le numerose vetture ad alte prestazioni delle case tedesche, inglesi e italiane


3' di lettura

L’ultima in ordine di tempo è l’Aston Martin Dbx, ma quella dei super suv è più di una moda passeggera. Se il mercato di massa si è spostato da tempo verso il segmento degli Sports Utility Vehicle o similari per le loro caratteristiche specifiche (seduta alta, versatilità d’impiego, spaziosità) i clienti più sportivi di vetture di lusso hanno dovuto “accontentarsi” di Range Rover Sport, Porsche Cayenne, Bmw X5 o X6 M oppure di Classe G Amg. Una volta appurato che le doti fuoristradistiche non sono fondamentali per questo tipo di vetture, i costruttori premium e di auto di lusso si sono spinti oltre offrendo delle vere e proprie auto sportive in abito da suv.

Nella foto un particolare della plancia dell'Aston Martini Dbx

È il caso della Aston Martin Dbx: il primo suv con l’anima di un’auto sportiva. Ordinabile a circa 200mila euro, nuovo Dbx fa del peso una virtù. I suoi 2.245 kg per 550 cv di potenza le permettono di sfoggiare un rapporto peso/potenza di poco superiore ai 4 kg/cv: niente male per un suv di oltre 5 metri di lunghezza dotato di tutti i più lussuosi comfort che si possano desiderare. Le prestazioni confermano l’indole sportiva propria del Dna Aston Martin: 0 a 100 km/h in 4”5 e 291 km/h di velocità massima. La produzione nella nuova fabbrica a St. Athan (South Wales, Uk) inizierà entro l’anno e le prime consegne sono previste la prossima estate.

Lamborghini Urus

Lo stesso dicasi di Urus, il primo suv Lamborghini che dal suo debutto lo scorso anno ha ridefinito nuovi parametri di riferimento prestazionali nel segmento. Il Super suv del Toro è spinto da un poderoso V8 bi-turbo di 4 litri da 650 cavalli e ben 850 Nm di coppia. Può scattare da 0 a 100 km/h in soli 3”6 e superare i 305 km/h di velocità massima. I suoi 5,11 metri di lunghezza sembrano accorciarsi grazie all’asse posteriore sterzante che lo rende agile sul misto e stabile sul veloce. Urus condivide parte della meccanica con Audi Q7/Q8 e Porsche Cayenne, ma a Sant’Agata Bolognese ne hanno fatto una vera Lamborghini grazie al sistema Anima con il comando a «tamburo». Prezzi a partire da 209.000 euro, ma per il cugino Rs Q8 dovrebbero bastarne poco più della metà per prestazioni simili: motore V8 biturbo da 600 cv, 0 a 100 km/h in 3”8 e 305 km/h.

Rolls-Royce Cullinan

Alla ricca partita non mancano i marchi Bentley e Rolls-Royce con le loro Bentayga e Cullinan che, pur elevando – nel vero senso del termine – il concetto di lusso su quattro ruote, non rinunciano a prestazioni mozzafiato: accelerazione 0 a 100 km/h in meno di 5 secondi e velocità massima oltre i 280 km/h. Anche i prezzi sono all’altezza: circa 220mila euro per la Bentayga e 340mila per la Cullinan.

Maserati Levante

Scegliendo tra i marchi premium sportivi, le opzioni si moltiplicano: si va dall’elegante Maserati Levante al Porsche Cayenne, passando per Mercedes Glc Coupé e X6, arrivando persino alla «muscle car» Jeep. Maserati Levante Torfeo (160.000 euro) monta un V8 biturbo da 590 cv e 730 Nm capace di fiondarlo da 0-100 km/h in 3”9 fino alla velocità massima di 300 km/h.

Il sempre attuale Cayenne, ancor più attraente adesso nella nuova versione Coupé, raggiunge l’apice della sportività con la motorizzazione S E-Hybrid da 680 cv: 0 a 100 km/h in 3”8 e 295 km/h. Prezzo da circa 180mila euro. Bmw X6 M (anche in versione Competition) da 600 cv (625 cv) scatta da 0 a 100 km/h in 3”9 (3”8), come Mercedes Glc Coupé Amg 63s da oltre 106mila euro con il suo V8 biturbo da 510 cv. Jeep propone il Grand Cherokee Trackhawk da 700 cv (3”7 lo 0-100 km/h e 289 orari) per circa 130mila euro e poi c’è l’outsider, per così dire: Tesla Model X. I due motori elettrici della versione Performance da 469 cv consentono in modalità «ludicrous» di fulminare lo 0-100 km/h in soli 2”9. La velocità massima è limitata a 250 km/h, ma lo scatto è davvero da record. Prezzi a partire da 110.000 euro e autonomia massima oltre i 500 km (Wltp). Alla festa manca solo il Cavallino, atteso con un modello il prossimo anno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti