ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAnniversari

Il denim di Roy Roger’s verso 25 milioni di ricavi

A Pitti celebra 70 anni

di Silvia Pieraccini

Il marchio riceverà il premio Pitti Immagine Uomo

2' di lettura

Roy Roger’s celebra al Pitti Uomo i 70 anni del marchio di denim che ha scritto la storia della moda: non solo perché è stato il primo jeans italiano, ma anche perché è rimasto sempre in mano alla stessa famiglia, Bacci, che ancora oggi lo guida. «Mio babbo Francesco nel 1949, quando aveva vent’anni, andò in America senza sapere una parola d’inglese – racconta Patrizia Bacci, a capo dell’azienda Manifatture 7 Bell con i figli Niccolò (amministratore delegato) e Guido (direttore creativo) - affascinato da quel mondo che vedeva nei film e incuriosito dal tessuto denim di cui aveva tanto sentito parlare».

Arrivato negli uffici della Cone Mills Corporation, sulla Broadway, che era il maggior fornitore di marchi come Levi’s e Wrangler, Francesco ebbe la fortuna di incontrare un direttore italo-americano e così cominciò a farsi spedire pezze di quel tessuto resistente, che confezionava nel piccolo laboratorio aperto a Campi Bisenzio. Nel 1952 Bacci registrò il marchio dei suoi jeans e scelse il nome di un sarto americano, Roy Roger, che con la propria carovana girava la California per confezionare salopette per i lavoratori. La creatività di Francesco si espresse nell’invenzione della zip nella tasca posteriore, pensata per mettere al sicuro i soldi, e del triangolo applicato come segno distintivo sempre alla tasca. Da lì è cominciata l’avventura imprenditoriale.

Loading...

Il momento più esaltante della storia aziendale? «È stato negli anni Sessanta e Settanta – spiega Patrizia Bacci - col boom dei jeans e i numeri di vendita stratosferici». A metà degli anni Ottanta il jeans ha virato verso il concetto moda e Roy Roger's si è dovuta reinventare. È stato il marito di Patrizia, Fulvio (oggi scomparso), l’artefice del rilancio del marchio fiorentino, con la rivoluzione del posizionamento (verso l’alto) e della distribuzione negli anni 1995-2000. Poi sono entrati in azienda i figli, sono arrivati i negozi (nel 2012) e l'allargamento della collezione, fino ai 20,5 milioni di fatturato 2021 e ai 25 milioni attesi per quest’anno.

I 70 anni del marchio saranno celebrati con una cena per 250 persone nel Salone de' Cinquecento in Palazzo Vecchio e con un mini movie curato dal fotografo fashion Bruce Weber. Roy Roger’s riceverà anche un regalo dalla città: il Premio Pitti Immagine Uomo per il talento creativo abbinato alla capacità di valorizzazione del tessuto produttivo italiano.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti