mare: portofino

Il disastro d’ottobre, poi la rinascita: nel borgo tornano i vip

Dopo la mareggiata di fine 2018 e i lavori fatti a tempo di record, torna il turismo di qualità e straniero. E rispuntano anche le star

di Raoul de Forcade


default onloading pic
Portofino

4' di lettura

Sulle calate di Portofino quest’anno sono tornati i vip. In piazzettasono scesi Michael Douglas con la moglie Catherine Zeta Jones, Rod Stewart con la famiglia, Matt Damon, il musicista John Legend e anche “Re” Giorgio Armani. E altri, sperano gli operatori turistici, ne arriveranno nei prossimi giorni. Eppure, solo pochi mesi fa, ben poco avrebbe fatto sperare in una simile parata di star.

Perché il borgo marinaro, nel 2018, ha vissuto il suo momento peggiore a memoria d’uomo. La terribile mareggiata che ha colpito la costa ligure nell’ottobre dell’anno scorso, infatti, si è infranta con rovinosa potenza (oltre che sulla piazzetta) sulla strada che unisce Santa Margherita a Portofino, portandone via un largo tratto - circa 120 metri dall’abbazia della Cervara a castello Bonomi Bolchini, a Paraggi (ove abita da tempo Piersilvio Berlusconi con la compagna, Silvia Toffanin, e i loro figli) - e isolando completamente il paese.

A parte le numerose difficoltà affrontate dalla popolazione locale, a partire dai ragazzi del borgo che, per mesi, sono stati costretti a raggiungere la scuola a Santa Margherita via nave, il disastro metteva a rischio la stagione turistica portofinese; e questo è stato subito chiaro all’amministrazione comunale, a cominciare dal sindaco, Matteo Viacava, e agli operatori economici della zona. È quindi cominciata una corsa contro il tempo (a Portofino ma anche nel resto del Golfo del Tigullio) per rimediare ai danni provocati dal maltempo.

Una corsa durata, per il borgo, fino al 6 aprile 2019. Giorno in cui, con una grande festa alla quale hanno partecipato quasi 4mila persone, è stata celebrata la riapertura della provinciale 227, sancita anche da un gran con un concerto con Mahmood, Mario Biondi, Anna Tatangelo, Noemi, il Volo ed Elodie. Un’esibizione alla cui organizzazione ha preso parte attivamente Piersilvio Berlusconi, che, per il suo interessamento attivo alla vicende del borgo dove risiede, è stato appena insignito dal Comune della cittadinanza onoraria portofinese.

«Questo – afferma Aldo Werdin, presidente degli albergatori del Levante ligure – è stato un anno atipico perché la mareggiata di fine ottobre ha messo in ginocchio tutto il Tigullio. Per quanto riguarda Portofino, appena due mesi prima dell’inaugurazione della strada non si sapeva ancora se il ripristino del collegamento sarebbe stato possibile in un tempo utile per la stagione turistica.Tutto è stato fatto solo grazie a un colpo di coda dei Comuni interessati, della Regione e anche grazie all’interessamento della famiglia Berlusconi».

Portofino, prosegue, «è restata a lungo nell’incertezza. Quindi le prenotazioni alberghiere (l’offerta è rappresentata soprattutto dallo Splendido, con la parte a monte e quella in piazzetta, e dall’Eight Hotel di Paraggi, ndr) sono arrivate praticamente sotto Pasqua e si è perso il flusso precedente. Il borgo, dai dati che ho io, sotto il profilo dei turisti negli alberghi, a maggio era -27%. Ne hanno risentito le prenotazioni di aprile, poi da giugno-luglio ha ripreso e le presenze sono state come gli altri anni. Però non è escluso che l’estate chiuda con numeri inferiori all’anno scorso».

Più ottimistica la visione del sindaco Viacava che, nei giorni scorsi, ha fornito un bilancio provvisorio della situazione, con i dati stagionali, a tutto luglio 2019. «Le difficoltà affrontate da ottobre fino ad aprile – spiega il primo cittadino - sono state davvero tante. Però Portofino, da un punto di vista turistico e ricettivo, nonostante tutto non evidenzia alcun calo».

Una situazione che, secondo Viacava, «trova conferma» anche «nell’analisi oggettiva e consuntiva del traffico yacht e crociere».

«Nel settore yacht - spiega Giancarlo Linari, direttore generale della Portofino Servizi Turistici, che gestisce il porticciolo - prenotazioni e percentuali di occupazione degli ormeggi a disposizione ricalcano in pieno la stagione 2018, senza alcuna variabile negativa. Anzi, il trend generale della “crescita” della lunghezza media degli yacht, che aumenta ogni anno in parallelo alla tendenza della cantieristica mondiale, è stato rispettato. È poi in sensibile aumento il traffico crocieristico, ma questa non è una sorpresa, essendo frutto di una programmazione pluriennale degli scali. La previsione di chiusura annuale potrebbe portare un crescita di oltre il 25% dei passeggeri in transito rispetto al 2018».

Anche secondo i dati di Atp (l’azienda di trasporto pubblico) non si sono verificati cali, tanto che i numeri, sottolineano, «sono in linea con l’anno precedente». Inoltre, dice Viacava, la tassa turistica, sia nel mese di giugno sia a luglio, ha registrato un sensibile aumento rispetto 2018 in merito alle presenze negli alberghi, nei bed & breakfast e nella case vacanza. Insomma, conclude il vicesindaco Giorgio D’Alia, «Portofino è in controtendenza rispetto alla situazione del Tigullio», che sta faticando di più a riprendersi.

Nel borgo quest’anno, aggiunge Simona Mussini, presidente di Ascom, «si segnala un turismo di buona qualità e internazionale. Nonché un ritorno delle star». E se la ristorazione resta uno dei punti di forza di Portofino (pur in mancanza di chef stellati), con locali storici e nuove gestioni, si sta affermando sempre più, ricorda la Mussini, «un piccolo tessuto imprenditoriale, fatto di imprese locali capaci di andare anche all’estero (si veda il box, ndr)».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...