valute

Il dollaro è sopravvalutato del 25% sull’euro. Lo dice il Big Mac

Economist ha appena aggiornato l’indice basato sul potere d’acquisto del più famoso panino al mondo. Il divario maggiore con il franco svizzero (+43%)

di Andrea Gennai


Così i tweet di Trump destabilizzano i mercati

3' di lettura

Il Big Mac sfida le banche centrali e fornisce un quadro dei rapporti valutari decisamente insolito. Tutto grazie alla parità del potere di acquisto. Negli Stati Uniti il panino Big Mac costa 5,74 dollari mentre nell’area euro il prezzo al banco si attesta in media a 4,08. Il tasso di cambio implicito è di 1,41 ma visto che l’attuale cambio si attesta a 1,12 questo vuol dire che il biglietto verde è sopravvalutato del 25%. Il calcolo è frutto del nuovo aggiornamento (luglio 2019) realizzato da Economist confrontando il costo dei panini nel mondo. Il ragionamento di base è semplice: stiamo parlando di uno stresso prodotto realizzato con gli stessi ingredienti al mondo e quindi i rapporti di cambio dovrebbero convergere con quelli di mercato.

LEGGI ANCHE / BigMac, un panino per capire se il valore della tua moneta è giusto

Le valute più care rispetto all’euro

La lista delle divise che sono sopravvalutate rispetto all’euro coinvolge ben otto divise mentre se prendiamo come base di raffronto il dollaro solo una divisa appare sopravvaluta (il franco svizzero). Anche nei confronti dell’euro il franco svizzero è decisamente sopravvalutato (+43%) e svetta rispetto a tutte le altre principali divise nel mondo. Il tema del franco svizzero tiene banco sul mercato del forex e gli operatori stanno monitorando attentamente le mosse della Banca nazionale svizzera (Bns) che ha spinto su livelli molto sostenuti le riserve valutarie estere e ora rischia di dover accettare un maggior apprezzamento del franco: all’orizzonte quindi non si vedono scenari di indebolimento e questa sopravvalutazione potrebbe persistere soprattutto se dovesse subentrare uno scenario di risk off sul mercato.

A CONFRONTO

Le valute piu' sopravvalutate (in blu) e più sottovalutate (in rosso) rispetto all'euro secondo il Big Mac Index – dati a luglio 2019 (Fonte: Elab. su dati Economist)

Le altre valute sopravvalutate rispetto all’euro sono nell’ordine il dollaro Usa (+25%), la corona svedese (+17%) e il dollaro canadese (+12%).  Quello che risalta è il confronto con il dollaro Usa, la principale valuta al mondo. Se guardiamo a ritroso i rapporti tra dollaro Usa ed euro, secondo in Big Mac index, osserviamo come fino al 2014 il dollaro sia stato sottovalutato mentre da quell’anno è entrato in un’area di sopravvalutazione e ora siamo tornati sui massimi di qualche anno fa. Sarà interessante vedere se il taglio dei tassi atteso da parte della Fed a fine mese sarà il primo segnale per un riequilibrio del cambio tra biglietto verde e moneta unica.

È il rublo la divisa più sottovalutata

La lista delle valute che sono più sottovalutate verso l’euro è decisamente più lunga. Tra tutti i svetta il rublo, con un distacco del 55% confrontando i prezzi dei Big Mac venduti nelle due aree. In generale sono le valute dei paesi Emergenti ha evidenziare i maggiori tassi di deprezzamento come il Rand sudafricano (-52%) o la Rupia indonesiana (-50%).

Il metodo del Big Mac non è esente da critiche. Ovviamente la vendita di un panino in un centro storico di una grande città può richiedere dei costi aggiuntivi da ammortizzare che non sono sostenuti in un’area di una zona rurale. Nonostante questo rappresenta un metodo omogeneo per confrontare i prezzi a livello mondiale e avere un quadro che in termini di sopravvalutazione e sottovalutazione può però durare anche per lungo tempo come dimostra il confronto con i tassi di cambio di mercato.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...