lusso

Il fascino di Lisbona visto dal nuovo Palácio da Anunciada

Nella zona della Baixa, a due passi dalle piazze dos Restauradores, zona di shopping, e Rossio: l’hotel ha riaperto dopo la maxi ristrutturazione curata dal gruppo spagnolo H10

di Sara Magro


default onloading pic
L'ingresso di Palácio da Anunciada. L'edificio del 1533 era la dimora dei Conti di Ericeira. All'interno ospitava anche una biblioteca con oltre 18 mila libri, un museo con opere di Rubens, Tiziano e Correggio, e nel giardino c'era una scultura del Bernini. Con il terremoto del 1755, l'edificio fu seriamente danneggiato e da allora ebbe alterne vicende tra nobili e istituzioni private. Oggi il palazzo è del gruppo alberghiero spagnolo H10, che con il brand The One designa strutture cittadine di altissimo livello per posizione e servizio

3' di lettura

Come ogni boom, porta con sé un rinnovamento che può diventare un boomerang se la crescita non è controllata. E già si sente dire che Lisbona non è più la stessa: è vero nel Bairro Alto, e nelle altre zone “in”, ma per fortuna non è così dappertutto, e al momento la capitale portoghese gode soprattutto dei benefici di restauri e recuperi eseguiti nel rispetto dello stile, delle strutture e dell’architettura. Molti edifici storici abbandonati da decenni sono diventati alberghi di lusso.

Lisbona a 5 stelle, alla scoperta del Palácio da Anunciada

Lisbona a 5 stelle, alla scoperta del Palácio da Anunciada

Photogallery7 foto

Visualizza

È lungo l’elenco di queste belle addormentate che riprendono vita nella città ubriaca degli altrui entusiasmi e della corsa agli investimenti. È successo così anche al Palácio da Anunciada, nella zona della Baixa, a due passi dalle piazze dos Restauradores, zona di shopping, e Rossio, con il pavè a onde e la botteguccia della Jinjinha, il liquore alle amarene dal sapore antico.

Recupero nel rispetto dello stile

Il palazzo era la casa di una famiglia in vista: ingresso per le carrozze e scalone d’onore che va al piano nobile con saloni da ballo e un terrazzo tanto grande da sembrare una piazza sospesa tra i palazzi. Il complesso è stato acquisito dal gruppo spagnolo H10, magnificamente ristrutturato e riaperto nel luglio 2019. Sono stati recuperati gli ambienti al piano terra, i marmi originali, persino gli affreschi di una cappella riscoperta in una zona di passaggio tra le camere e il ristorante, al primo piano. Le stanze, un po’ business a dispetto di uno stile genericamente bohemien-chic, sono allo stato dell’arte per le comodità e la tecnologia; la Spa e il ristorante sono ancora in via di definizione, quest’ultimo con una duplice aspirazione: gourmet al piano nobile, tra stucchi e soffitti dipinti, e tapas nella lounge al piano terra tra boiserie carta da zucchero, specchi e design stile Modernariato.

Esploratori di quartieri e pasticcerie

Ormai in un cinque stelle quel che conta sono le esperienze. E al Palácio da Anunciada non mancano: tour degli azulejos (le formelline di ceramica dipinte spesso che ornano facciate, insegne e chiese della città), cene con fado dal vivo, degustazioni tra ristoranti sempre più stellati e tasquinhas contemporanee, come “Lisboa è linda” che sciorina in un unico pasto tutta la gastronomia portoghese.
C’è anche l’opzione barca a vela sul Tago, dal quartiere ex-popolare dell’Alfama fino ai monumenti dedicati ai grandi esploratori portoghesi, con Vasco da Gama in pole position che guarda verso l’Atlantico. Lungo il tragitto, i premurosi skipper di Lisbon Sight Sailing (www.lisbonsightsailing.com) offrono formaggi, fragole e porto, e pastel de nata della miglior pasticceria di Lisbona che a dispetto di quanto dicono le guide non è Pastéis de Belém, ma la Manteigaria. Data la squisitezza del dolcetto tipico di pasta sfoglia ripiena di crème brûlée si possono provare entrambi per esprimere la propria sentenza su un tema che non ha altri arbitri che il gusto personale.

Nonostante l’impeto di modernizzazione, Lisbona non ha perso la sua autenticità, i volti e le atmosfere metà Novecento. La sua corsa è ancora imperfetta e in quella sua ingenuità nell’allinearsi al resto dell’Ovest risiede il suo fascino decadente e irresistibile. Ed è per questo che ci sono ancora tanti motivi per andarci. Meglio affrettarsi.

The One Palácio da Anunciada
Rua das Portas de Santo Antão, 112-134
Lisbona
https://www.hotelstheone.com/

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...