ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtitoli di stato

Il feeling con i risparmiatori passa anche per l'home banking

Dal 2012 ad oggi il 20-30% delle emissioni è stato acquistato on line: un canale che oggi risulta particolarmente adeguato vista la situazione generale

di Claudio Celio

default onloading pic
(jd-photodesign - stock.adobe.com)

Dal 2012 ad oggi il 20-30% delle emissioni è stato acquistato on line: un canale che oggi risulta particolarmente adeguato vista la situazione generale


2' di lettura

La possibilità di acquistare il BTp Italia direttamente su Internet, attraverso i propri servizi di home banking, rappresenta una caratteristiche peculiari di questi strumento emesso dal Tesoro. Anzi, è una delle modalità con cui il ministero dell’Economia ha voluto rendere il BTp Italia più vicino a i piccoli risparmiatori, garantendo la possibilità di svincolarsi dalle forme "fisiche" di mediazione bancaria e di gestire in proprio il proprio investimento. Effettivamente non si può negare che il retail abbia apprezzato questa accortezza del Tesoro, scegliendo spesso l’home banking come uno strumento privilegiato di acquisto del BTp Italia.

Guardando all’utilizzo del canale internet nelle varie emissioni si nota come, dal 2012 ad oggi, la quota di titoli acquistata direttamente attraverso i servizi di home banking si sia mantenuta stabile tra il 20 e il 30 per cento. Volendo evidenziare una linea di tendenza si puo’ segnalare come l’appeal dei servizi on line per l’acquisto del BTp Italia si sia leggermente ridotto negli ultimi 2 anni.

Una tendenza, quest’ultima, che in occasione della nuova emissione potrebbe essere ampiamento bilanciata dal maggiore ricorso ai canali digitali indotto dall’attuale fase di emergenza epidemiologica. Le stesse banche, per evitare il ricorso alla filiale da parte dei clienti, stanno attivando canali paralleli al trading on line per chi ne fosse sprovvisto.

Infine il ricorso (più o meno intenso) al canale digitale per l’acquisto del BTp Italia non evidenzia alcun tipo di correlazione con la partecipazione dei piccoli risparmiatori al collocamento del BTp Italia, considerando che nelle ultime 3 emissioni (le due del 2018 e quella del 2019), la partecipazione dei piccoli risparmiatori è rimasta sostanzialmente costante.

Anzi, proprio a novembre 2018, si è registrato un massimo storico di acquisti da parte del retail, pari al 68% del totale emesso.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti