DATACENTER

Il fondo Usa Ipi Partners acquisisce il caveau-dati più grande del Sud Europa

Si tratta del datacenter di Siziano, provincia di Pavia. Per la società Usa è il primo investimento in Europa. Valore dell’operazione, 300 milioni di euro

di Laura Cavestri

default onloading pic

2' di lettura

Il fondo americano Ipi Partners ha annunciato ufficialmente l’acquisizione di Supernap Italia, società specializzata nella progettazione, costruzione e gestione di ecosistemi di datacenter in Italia. Nel dettaglio, Ipi Partners ha acquistato da affiliate di Accelero Capital Holdings sarl il 100% del capitale sociale del socio di controllo della società, Acdc Holdings sarl. Supernap Italia, infatti, è una società controllata da Supernap International sa (21,26%) e Acdc Holdings sarl (78,74%). Il valore dell’operazione è di circa 300 milioni di euro.

Ipi è un fondo di private equity che investe in datacenter e altre attività legate alla tecnologia e alla connettività e Supernap rappresenta il suo primo investimento in Europa. È nato nel 2016 dalla joint venture tra Iconiq Capital e Iron Point Partners ed è attualmente in fase di raccolta per il suo fondo immobiliare Ipi data center partners Fund II, che ha un target di 1,5 miliardi di dollari e a fine dicembre 2020 aveva già raccolto oltre 1 miliardo. Secondo i vertici di Supernap, l’acquisizione e la sua competenza nello sviluppo consentiranno alla società di accelerare ulteriormente il proprio percorso di crescita e di sviluppo delle infrastrutture digitali. Gli sforzi di Supernap saranno concentrati su più mercati in tutta Europa, compreso il mercato di Milano in cui la società già opera.

Loading...

«Siamo orgogliosi dei grandi progressi che abbiamo raggiunto nello stabilire la nostra presenza sul mercato e nel dimostrare la nostra capacità di soddisfare le esigenze di capacità di alcune delle principali aziende tecnologiche del mondo – ha dichiarato Sherif Rizkalla, Ceo di Supernap –. Ipi è il partner ideale per aiutarci nell’ulteriore sviluppo e implementazione delle nostre infrastrutture hyperscale, in Italia e in tutta Europa, e per accelerare i piani di crescita».

«Supernap ha un management team consolidato che ha instaurato solide relazioni con un’importante base di operatori e ha costruito un track record di sviluppo e gestione di datacenter di rilevanza mondiale – ha detto Matt A’Hearn, partner di Ipi –. Vediamo quest’operazione come una grande opportunità in Europa, un mercato che crediamo continuerà a crescere a un tasso significativo».

La società italiana gestisce dalla fine del 2016 il datacenter di Siziano (Pavia), che è il più avanzato del Sud Europa. Si sviluppa su 42mila metri quadrati di spazi all’interno di un campus da 100 mila metri quadri e ha richiesto un investimento di 300 milioni di euro da parte degli azionisti. Secondo quanto riportato nel bilancio relativo all’anno finanziario del 2019, il progetto prevede il breakeven nel 2022 e risultati positivi in crescita a partire dal 2024. «La condizione finanziaria dell’azienda – sottolineano, sul punto, da Ipi Partners – è migliorata drasticamente e l’azienda ha a disposizione un capitale sufficiente per continuare la sua strategia di crescita aggressiva». Quello dei datacenter è un settore in forte sviluppo sia negli Stati Uniti che in Europa e che nel 2020 ha registrato una crescita del 100% delle operazioni di M&A a oltre 31 miliardi dollari.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati