ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùM&A

Il gruppo Lvmh cresce ancora con il know how di Pedemonte

.

di Giulia Crivelli

Distretto orafo. Pedemonte ha sedi a Valenza e Valmadonna (Alessandria)

2' di lettura

L’acquisizione più recente di Lvmh, il più grande gruppo del lusso al mondo, è stata fatta tra le eccellenze della filiera italiana della gioielleria e riguarda il gruppo Pedemonte. L’annuncio è arrivato venerdì 25 novembre, a vendere è stato il fondo di investimento Equinox III e per Lvmh è un’operazione strategica in chiave produttiva. Nato nel 2020 dalla fusione di diversi laboratori di produzione indipendenti, con alle spalle decenni di esperienza, il gruppo Pedemonte è oggi un attore riconosciuto nella manifattura di gioielli di alta gamma. Pedemonte ha sedi a Valenza e Valmadonna, nel distretto orafo che gravita intorno ad Alessandria, e a Parigi, unisce tecnologia all’avanguardia e artigianalità e si occupa di tutte le fasi chiave della produzione di gioielli di alta gamma e da molti anni collaborava con varie maison del gruppo Lvmh.

«L’operazione consente alla divisione Watches & Jewelry – hanno spiegato da Lvmh – di aumentare significativamente la propria capacità produttiva, tenuto conto che i laboratori esistenti stanno già mobilitando tutte le loro risorse per sostenere la forte crescita della divisione». Nei primi nove mesi del 2022 il fatturato di Lvmh è cresciuto del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021, arrivando a 56,5 miliardi di euro. A correre di più è stata la parte Fashion & Leather Goods (+31% a 27,9 miliardi), ma subito dopo si è posizionata la divisione Watches & Jewelry, di cui fanno parte marchi di alta orologeria come Tag Heuer, Hublot e Zenith, e due tra i più famosi marchi di gioielleria al mondo, Bulgari (che ha appena avviato, proprio a Valenza, l’ampliamento della sua fabbrica-modello) e Tiffany. Nel periodo gennaio-settembre la divisione è cresciuta del 23%, passando dai 6,2 miliardi di euro del 2021 a 7,5 miliardi di euro. Il gruppo Pedemonte impiega 350 persone, tra artigiani e dipendenti che, accanto all’attuale management, «continueranno a contribuire con le loro competenze, il know-how e il savoir-faire, tramandato nelle generazioni», hanno spiegato da Parigi.

Loading...

«Con questa acquisizione strategica, il gruppo Lvmh si rafforza ulteriormente in Italia, continuando a sostenere l’ecosistema di aziende che contribuiscono al successo delle nostre maison», ha sottolineato Toni Belloni, direttore generale del colosso francese, che il 17 novembre era a Milano proprio per presentare i successi e gli obiettivi raggiunti da Lvmh sulla formazione, in Italia e non solo, di nuove generazioni di artigiani (si veda Il Sole 24 Ore del 18 novembre)

«Siamo molto lieti di dare il benvenuto ai collaboratori del gruppo Pedemonte e delle sue filiali con cui collaboriamo da molti anni – ha aggiunto Stéphane Bianchi, presidente e direttore generale della divisione Watches & Jewelry –. Oggi le nostre storie e i nostri valori convergono attorno a questo spirito di eccellenza e di imprenditorialità, al tramandarsi dell’artigianato e allo sviluppo della creatività».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti