Marketing

Il leader delle cerimonie olimpiche si ristruttura

Stefano Core, amministratore delegato di Balich Worldwide Shows, illustra il nuovo modello di business del Gruppo che si prepara alla ripartenza

di Enrico Netti

Stefano Core (Imagoeconomica)

4' di lettura

Quattro linee di business per creare il futuro dell’intrattenimento dal vivo. Accanto alle Cerimonie Olimpiche e ai grandi eventi ci sono gli spettacoli immersivi e i progetti speciali come le icone e le destination experience. «Il nostro è un gruppo di entertainment integrato che crea, progetta e produce esperienze dal vivo. La nostra missione è creare emozioni, celebrare valori universali e realizzare esperienze audaci e bellissime». È quanto anticipa Stefano Core, da un anno Ceo della Balich Worldwide Shows, multinazionale leader mondiale nella realizzazione di Cerimonie Olimpiche fondata da Marco Balich, Gianmaria Serra e Simone Merico. Sono firmate da Balich e dal suo team le cerimonie di Torino 2006, Sochi 2014, Rio 2016 senza dimenticare, per esempio, l’Albero della Vita realizzato per l’Expo 2015. Il Gruppo BWS ha sedi a Milano, Dubai e Riyadh ed è composto da un team multiculturale di circa 150 persone. Il fatturato 2019 è stato di 103 milioni di euro e la previsione di fatturato per il 2020 era di 150 milioni, con l’obiettivo del raddoppio in tre anni. Ma a causa del Covid, il 50% dei progetti previsti per il 2020 è stato rimandato all’anno successivo. «Il Gruppo prosegue il suo sviluppo, confermando la solidità e gli obiettivi di crescita in tutto il mondo e porta avanti processi di consolidamento intra-gruppo, managerializzazione e strutturazione dei cicli di sviluppo, con interesse per operazioni straordinarie di diversa natura».

Gli show internazionali firmati dalla società di Marco Balich

Gli show internazionali firmati dalla società di Marco Balich

Photogallery13 foto

Visualizza

Ci può parlare della formula su cui il Gruppo ha costruito il proprio successo?
Ci chiamano da tutto il mondo per realizzare esperienze live: dalle Cerimonie Olimpiche a grandi eventi per prestigiosi brand, fino a progetti di esperienza e comunicazione territoriale come l’Albero della Vita all’Expo 2015. Questo, perché ci viene riconosciuto un approccio unico che noi definiamo emotional engineering, ossia la capacità di visualizzare e progettare le emozioni che devono essere amplificate al massimo non solo negli eventi ma anche nei luoghi e nelle installazioni al fine di valorizzarli e farli diventare vere e proprie destinationi memorabili.
Siete nel clou di un processo di diversificazione del business sia per tipologia che per area geografica. Che modello avete adottato?
“Il Gruppo, noto in tutto il mondo per la produzione delle Cerimonie Olimpiche, ha raggiunto una dimensione di business e organizzativa ben superiore alle sole Cerimonie. Per questo, per cogliere appieno le opportunità di crescita sui nuovi business, ci siamo strutturati per linee di business, ciascuna con delivery globale. Oggi contiamo la business unit Cerimonie, che crea e produce eventi istituzionali e le Cerimonie Olimpiche - core business e heritage del team storico di Balich Worldwide Shows - la business unit Eventi ed Exhibit, sviluppata in particolare sull’esperienza di FeelRouge Worldwide Shows, che opera soprattutto nel settore del lusso, la business unit Show Immersivi, che ha prodotto il primo spettacolo immersivo italiano ”Giudizio Universale. The Sistine Chapel Immersive Show”, con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani. Per finire la business unit Special Project, in cui rientrano le destination experiences sullo stile dell’Albero della Vita, icona di Expo 2015, e progetti in corso dall’Italia a Singapore. Il prossimo passo che definiremo entro la fine dell’anno sarà quello di far rientrare tutte le linee di business sotto un unico brand rinnovato.
La pandemia ha imposto lo stop agli eventi dal vivo. Come ha impattato sulla creatività dei vari gruppi di lavoro e che ruolo ha o avrà il digitale?
Crediamo nel potere delle emozioni per connettere le persone e siamo convinti che l’intrattenimento dal vivo tornerà presto più forte che mai. Verrà ibridato con il digitale e migliorato nelle sue molteplici integrazioni tecnologiche. La pandemia ha accelerato processi già da tempo in corso: la complementarietà tra fisico e digitale, la creazione di un’offerta customizzabile per le diverse audience, la contaminazione di mondi che prima interagivano meno. L’intrattenimento non è e non sarà più quello che abbiamo conosciuto, ma resta la necessità delle persone di vivere esperienze culturali e di divertimento. Così cambia anche lo scenario dei player del settore dei creatori di intrattenimento e, in questo panorama, noi vogliamo costruire il futuro dell’intrattenimento dal vivo e per farlo ci consolidiamo e puntiamo alla crescita e all’aggregazione di nuove competenze.
Il mondo dello spettacolo, gli artisti e tutti gli altri professionisti che lavorano nel backstage sono in grande sofferenza. Come giudica quanto fatto dalle istituzioni?
L’Unione Europea riconosce che la partecipazione culturale abbia “un impatto significativo sulla qualità della vita delle persone e contribuisca largamente al benessere sia sul piano culturale sia su quello economico”. L’Italia, pur essendo il Paese più ricco di beni culturali al mondo, ha sempre investito meno rispetto al resto dell’Europa nelle attività culturali e turistiche. Il Mibact ha firmato un decreto da 20 milioni di euro per tamponare l’emergenza per lo spettacolo. Per noi oggi si deve investire in innovazione per valorizzare il nostro incredibile patrimonio artistico e culturale e far riprendere il turismo appena sarà possibile. L’intrattenimento inteso come integrazione di arte, cultura, innovazione e digitalizzazione può rappresentare per il futuro del nostro Paese quello che sono stati negli anni '90 e 2000 la moda e il design. Il nuovo valore del made in Italy di cui essere fieri nel mondo.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti