ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGruppo Renault

Il «Manifesto» tecnologico che anticipa il futuro di Dacia

La concept car rumena

di Simonluca Pini

Laboratorio di idee. Manifesto non è solo una show car ideata per stupire e anticipa le soluzioni tecniche d’avanguardia di Dacia

2' di lettura

Da low-cost ad essenziale. Si potrebbe riassumere così l’evoluzione di Dacia, marchio rumeno entrato nel 1999 nel gruppo Renault e capace in oltre 20 anni di diventare uno dei brand più interessanti e redditizi dell’intero mercato. Il motivo? Non seguire le mode ma offrire al cliente quello che realmente cerca, a partire da modelli dall’ottimo rapporto qualità prezzo e dall’approccio “se serve, lo troverete a bordo”.

Protagonista è la strategia Renaulution del gruppo francese, presentata da Luca De Meo a inizio 2021, Dacia ha intrapreso un profondo rinnovamento che ha portato ad un nuovo logo, al restyling delle concessionarie e soprattutto ad una gamma in crescita con l’arrivo del multispazio 7 posti Jogger e nei prossimi mesi con il debutto della versione di serie del suv Bigster. A questo si aggiunge uno spostamento verso l’outdoor dell’intero marchio, andando a offrire veicoli pensati per vivere all’aria aperta ma sempre proposti a prezzi concorrenziali.

Loading...

I percorsi sterrati sono proprio il terreno ideale della nuova concept Manifesto, “laboratorio di idee” svelato a Parigi e realizzato per anticipare tante possibili soluzioni che potrebbero arrivare sui futuri modelli del marchio rumeno. Oltre a non avere né porte, né finestrini, né parabrezza, la concept rumena presenta soluzioni innovative come il piano di lavoro posteriore dalle molteplici funzioni in sostituzione del tradizionale portellone.

La carrozzeria della concept utilizza in gran parte plastica riciclata, derivata dalla trasformazione dei polimeri usati e con una resa finale screziata nota come Starkle. Si tratta di un materiale sofisticato e sostenibile sarà presente anche sulla nuova Dacia Duster, attesa nel 2024 e per la prima con componenti in plastica riciclata all’esterno. Al pari degli ultimi modelli firmati Dacia, anche qui le cromature decorative sono scomparse per lasciare spazio a finiture essenziali e più contemporanee.

Le gomme airless, cioè senza aria in pressione (tecnicamente non sono pneumatici) sono un altro elemento di grande innovazione del veicolo in quanto puntano all’ecologia e al risparmio.

L’idea di fondo è la durabilità: non si possono forare e si mantengono per tutta la durata di vita del veicolo. Tra le soluzioni presenti sulla concept, e in arrivo nei prossimi anni sui modelli di serie, troviamo il sistema YouClip capace di fissare con grande facilità una serie di accessori utili e modulabili.

A bordo non manca il sistema di integrazione tra smartphone e vettura, già presente sui modelli Dacia in vendita, e al frontale arriva un solo faro ma in grado di illuminare come una tradizionale coppia di proiettori.

Tra le novità presentate dal brand rumeno anche nuove dotazioni di sicurezza come l’applicazione smartphone pensata per suggerisce quando e dove effettuare le pause. Questa nuova soluzione è stata sviluppata da Dacia in collaborazione con l’ecosistema Software République, di cui fa parte anche il Gruppo Renault.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti