acquisizioni

Il marchio Blumarine entra nell’orbita di Liu-Jo

Marco Marchi, fondatore di Liu-Jo, ha acquisito il gruppo Blufin che possiede, tra gli altri, il marchio Blumarine dando il via al suo progetto Eccellenze Italiane, una holding di aggregazione di brand di fascia alta


default onloading pic

3' di lettura

Dopo mesi di indiscrezioni, adesso la notizia è ufficiale: Liu-Jo ha acquisito il marchio Blumarine e il gruppo Blufin che lo possiede. L’operazione dà il via alla holding “Eccellenze Italiane”, un nuovo grande progetto di aggregazione e accelerazione di brand di fascia alta voluto dal presidente e fondatore dell’azienda di abbigliamento di Carpi (in provincia di Modena), Marco Marchi.

«Con questa acquisizione - afferma Marchi - prende forma il mio sogno imprenditoriale di aggregare eccellenze italiane e lanciarle nella competizione globale. In un mercato in fortissima evoluzione i consumatori premiano i brand forti di identità distintive che fanno della qualità e della creatività gli elementi fondanti. In Italia esiste questo straordinario patrimonio di aziende che tuttavia spesso non sono in grado di crescere per mancanza di massa critica, capitale, tecnologia, management e sinergie - asset che solo un grande gruppo può garantire».

Alla base del porgetto la filosofia di Environmental Social Governance, cioè di investimento responsabile che mette al centro la creazione di valore per tutti gli stakeholder coinvolti. «È un sogno, una mia visione imprenditoriale che si avvera e che ha come punto di inizio l’acquisizione di Blumarine, un marchio di straordinaria reputazione e valore per l’Italia e il territorio carpigiano» commenta l’imprenditore.

La trattativa, avvenuta in via privata tra la famiglia Tarabini e Marco Marchi e senza istituti bancari intermediari, si è rapidamente conclusa con la sottoscrizione degli accordi per la cessione del 100% delle quote di Blufin a Eccellenze Italiane.

La sfilata Blumarine per la primavera-estate-2020

La sfilata Blumarine per la primavera-estate-2020

Photogallery25 foto

Visualizza

«Mia madre (Anna Molinari, ndr), io e tutta la nostra famiglia, riteniamo questo step estremamente positivo per lo sviluppo e la crescita dell'azienda e dei suoi brand - dichiara Gianguido Tarabini -. Crediamo fortemente nelle doti imprenditoriali di Marco Marchi, nel suo legame con il territorio e auspichiamo che questa operazione rappresenti un caso di successo dell'imprenditoria carpigiana e della moda italiana».

Il gruppo Blufin, proprietario dei marchi Blumarine, Blugirl, Anna Molinari e Be Blumarine è presente in 50 paesi e le collezioni sono distribuite in più di 500 punti vendita, di cui 31 boutique e shop-in-shop monomarca in tutto il mondo. Il fatturato consolidato 2018 comprensivo di royalty sulle licenze è stato di 33 milioni di euro generato per il 40% dal mercato domestico e per il 60% dai mercati internazionali.

«Sono orgoglioso e onorato di essere stato scelto dalla famiglia Tarabini per un simbolico passaggio di testimone che dovrà garantire a questo straordinario patrimonio di stile italiano un futuro di crescita e sviluppo - continua Marchi -. Blumarine è un marchio con una eccezionale notorietà e rappresenta nel mondo uno stile distintivo e unico. Contiamo di valorizzare questa preziosa heritage e lanciarla nella contemporaneità con una nuova freschezza, rimanendo tuttavia fedeli ai suoi codici di romanticismo e femminilità».

Per la prossima stagione, un team di designer interno realizzerà una collezione capace di coniugare gli elementi distintivi di Blumarine con quello che sarà il nuovo percorso del brand. La direzione creativa è ancora in fase di definizione e porterà nuovamente Blumarine a sfilare a Milano durante la Fashion Week di settembre 2020.

«Ci attende un importante e serio lavoro di riorganizzazione e rilancio che dovrà dare ossigeno e nuova linfa a questa straordinaria realtà italiana - conclude il presidente di Liu-Jo -. In cinque anni contiamo di arrivare a un fatturato di 50 milioni di euro con un Ebitda a doppia cifra. Vogliamo crescere, ma gradualmente e in modo sostenibile anche per proteggere l’esclusività di questo gioiello del made in Italy».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...