cinema

Il meglio dei film al caldo

Ecco la lista delle pellicole che celebrano i mesi estivi

di Andrea Chimento


default onloading pic

3' di lettura

La spiaggia e il mare sono da sempre luoghi molto rappresentati sul grande schermo. Parecchie pellicole sono ambientate, integralmente o quasi, in località balneari, ma ce ne sono altre che raccontano la stagione più calda dell'anno puntando su location differenti.
Ecco una lista di film, le cui vicende si svolgono durante il periodo estivo, che hanno fatto la storia della settima arte:
Le vacanze di Monsieur Hulot (1953) – Uno dei lungometraggi più belli di Jacques Tati, regista e attore di questo film comico che omaggia la slapstick comedy del cinema muto. L'alter ego di Tati, Monsieur Hulot, va in vacanza al mare e il suo arrivo trascinerà gli ospiti dello stabilimento balneare in una serie di divertentissimi imprevisti.


La finestra sul cortile (1954) – Non siamo al mare in questo capolavoro di Alfred Hitchcock: il protagonista Jeff, interpretato da un memorabile James Stewart, è costretto a trascorrere le caldissime giornate estive a casa, con la gamba ingessata. Per passare il tempo, e provare a non pensare al caldo soffocante, inizierà a spiare i suoi vicini, concentrandosi in particolare su un uomo misterioso.

Quando la moglie è in vacanza (1955) – Una delle più celebri commedie di Billy Wilder, ambientata durante una calda estate, con un padre di famiglia che si trova da solo in città, mentre moglie e figli sono in vacanza. Subirà il fascino di una vicina di casa, interpretata da Marilyn Monroe, e resistere alla tentazione non sarà affatto semplice.
L'avventura (1960) – Una vacanza in barca nelle isole Eolie, si trasforma in un incubo per un gruppo di amici: una di loro scompare nel nulla e le ricerche sembrano non portare da nessuna parte. È uno dei più grandi film del cinema italiano del periodo, firmato da un Michelangelo Antonioni in stato di grazia. Nel cast Gabriele Ferzetti, Monica Vitti e Lea Massari.

Il sorpasso (1962) – Giorno di ferragosto, a Roma. Lo sbruffone Bruno Cortona (Vittorio Gassman) sfreccia per le strade a bordo della sua Lancia Aurelia quando incontra per caso uno studente (Jean-Louis Trintignant). Lo coinvolgerà suo malgrado in un viaggio in macchina senza una meta precisa. Dino Risi racconta le illusioni del boom economico in maniera mirabile in questa pellicola che ha fatto la storia del nostro cinema.

Lo squalo (1975) – Non sempre la spiaggia e il mare (al cinema e non solo) sono sinonimo di relax e divertimento. Nel cult firmato Steven Spielberg, lo scenario è terrificante, con uno squalo minaccioso che infesta le acque vicino alla spiaggia dove è ambientato il film. È un lungometraggio che ha fatto epoca, anche per la notevole colonna sonora.
Un mercoledì da leoni (1978) – Sono molti, nella storia del cinema, i film incentrati sul surf, ma mai nessuno come il lungometraggio di John Milius è riuscito a dare forma all'ossessione per le onde e a uno sport che è molto più di un semplice svago. Si tratta di un film esistenziale, sullo scorrere del tempo e sulla fine della spensieratezza giovanile.
Il raggio verde (1986) – Si tratta soltanto di uno tra i tanti film di Eric Rohmer ambientati durante il periodo estivo. Il regista francese, infatti, è stato uno dei più grandi cantori della stagione più calda dell'anno, spesso associandola al tema dell'amore e alla giovinezza. «Il raggio verde», premiato con il Leone d'oro a Venezia, è un film proprio su queste tematiche, che mostra le incredibili capacità narrative di un autore che è stato in grado, come pochi altri, di raccontare le relazioni e i sentimenti.
Stand By Me (1986) – In questo film di Rob Reiner è particolarmente indicato il sottotitolo italiano, “Ricordo di un'estate”, per rappresentare il senso di una pellicola malinconica e profonda, che racconta l'amicizia tra quattro ragazzini che hanno vissuto un'estate particolarmente significativa nel loro percorso di crescita. Tratto da un racconto di Stephen King, il film ha tra i protagonisti il compianto River Phoenix.
Chiamami col tuo nome (2017) – Ambientato nell'estate del 1983, il film di Luca Guadagnino ha come protagonista un adolescente americano che sta passando le vacanze in Italia insieme alla sua famiglia. L'incontro con Oliver, studente più grande di lui, sarà l'inizio di un rapporto d'amicizia sempre più intimo, che potrebbe segnare la sua intera vita. Toccante e delicato, è uno dei titoli diretti da un regista italiano più emozionanti degli ultimi anni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...