World's 50 Best Bars

Il miglior bar dove bere cocktail è “Dante”a New York. Il Drink Kong di Roma rivelazione dell’anno

Jerry Thomas di Roma e 1930 di Milano nelle prime 50 posizioni della classifica World's 50 Best Bars. Le capitali del bere miscelato restano New York e Londra ma dietro al bancone ci sono tanti professionisti italiani

di Maurizio Maestrelli


World's 50 Best Bars 2019: i 10 migliori locali al mondo dove fare una tappa

2' di lettura

La serata di proclamazione dei World's 50 Best Bars sta al mondo della mixology internazionale come la notte degli Oscar sta a quello del cinema. Ansia, fibrillazione, gioia e delusione si mescolano in un evento, celebrato ogni anno a Londra, che decreta le celebrità dello shaker e del mixing glass. Chi guarderà tutti dall'alto al basso, della classifica s'intende, quest'anno? Come andranno gli italiani? Beh, la risposta l'abbiamo avuta giovedì 3 ottobre.

GUARDA IL VIDEO / World's 50 Best Bars 2019: i 10 migliori locali al mondo dove fare una tappa

Va detto che la classifica dei “secondi 50” ovvero le posizioni dal cinquantunesimo al centesimo posto erano state già rivelate qualche giorno fa con la bella sorpresa di trovare due new entry italiane, il Baccano e il Drink Kong di Roma rispettivamente al settantesimo e all'ottantaduesimo posto, e una conferma per l'inossidabile e milanese Nottingham Forest di Dario Comini, all'ottantaseiesimo posto. Ieri sera, per il Drink Kong guidato da Patrick Pistolesi, è arrivato anche il prestigioso premio Campari One to Watch, attribuito al locale “rivelazione” dell'anno.


Performance deludente per i bar italiani nelle prime 50 posizioni
Un po' deludente invece la presenza italiana nelle prime cinquanta posizioni con il J erry Thomas Project di Roma al cinquantesimo posto e il 1930 di Milano al quarantaquattresimo, entrambi riconfermati comunque come top cocktail bar italiani. L'orgoglio tricolore tuttavia si riprende considerando le prestazioni di alcuni connazionali che lavorano all'estero: Giacomo Giannotti, ad esempio, alla guida del Paradiso di Barcellona si è piazzato alla ventesima posizione, Angelo Sparvoli, in forza all'American Bar del Savoy Hotel di Londra è in quinta posizione e il team praticamente tutto italiano del bar del Connaught Hotel, il regno di Agostino Perrone e di Giorgio Bargiani, è salito fino al secondo posto. A un passo dal vertice della classifica guidata dal locale newyorchese Dante.

Tanti gli italiani “emigrati” all’estero dietro il bancone
Insomma, in realtà gli italiani dietro il bancone ci sanno fare davvero. Forse non avere un numero maggiore di locali nella World's 50 Best, o non averne in posizioni più alte, è il dazio da pagare al nostro scarso appeal internazionale verso i giurati, oltre cinquecento sembra, che ogni anno sono chiamati a stilare la prestigiosa e ambita classifica. Ma siamo sulla buona strada per riprendere quota con eventi come il recente Bar Show di Roma che ha ottenuto, al suo debutto, un successo eclatante e una risonanza, questa sì, internazionale.

La classfica dei primi 10 nel 2019

1. DANTE
New York, USA
2. CONNAUGHT BAR
London, UK
3. FLORERIA ATLANTICO
Buenos Aires, Argentina
4. THE NOMAD
New York, USA
5. AMERICAN BAR
London, UK
6. THE CLUMSIES
Athens, Greece
7. ATTABOY
New York, USA
8. ATLAS
Singapore
9. THE OLD MAN
Hong Kong, China
10. LICORERIA LIMANTOUR
Mexico City, Mexico

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...