serie a

Il Milan in nove si riscatta a Bologna

default onloading pic
(ANSA)

2' di lettura

Tre punti che sanno di miracolo interrompono la serie di tre sconfitte consecutive del Milan, che vince 1-0 a Bologna nel recupero della 18/a giornata dopo aver giocato gran parte della ripresa in nove uomini.

Si parte con Montella che recupera Abate e promuove dal primo minuto Vangioni, riporta Kucka in mediana con Locatelli e Pasalic e conferma il tridente Suso-Bacca-Deulofeu visto contro la Sampdoria; cambia anche Donadoni, che rivoluziona l'impacciata difesa travolta dal Napoli (dentro Krafth, Gastaldello e Mbaye, con Da Costa fra i pali al posto dell'infortunato Mirante) e rilancia l'ex Verdi dall'inizio.

Loading...

Primo brivido al 4', quando Krafth smorza di testa un lancio di Paletta: il tocco verso Da Costa è troppo corto e mette Deulofeu a tu per tu col portiere rossoblù, bravo a respingere, mentre il tap in di Pasalic da buona posizione si perde sopra la traversa. Pressione costante del Milan, ma è il Bologna che si fa pericoloso al 20': scambio Destro-Krejci a centrocampo, il ceco vince un rimpallo con Paletta e scatta verso la porta, ma Donnarumma in uscita sventa il pericolo. Rossoblù ancora vicini al gol al 30': spunto da destra di Verdi che mette in mezzo, Donnarumma in tuffo sporca la traiettoria, riuscendo poi a mettere la palla in angolo coi piedi un attimo prima dell'arrivo di Dzemaili. Cresce l'intensità del Bologna, con Dzemaili servito al 35' in profondità steso al limite da Paletta: secondo giallo inevitabile per il centrale e Milan in dieci costretto a ricorrere al 4-4-1 con Locatelli arretrato in difesa fino all'intervallo.

Nella ripresa Montella aggiusta la difesa, inserendo subito Gustavo Lopez al posto di Locatelli, ma l'uomo in meno si fa sentire ed è sempre il Bologna a premere, senza però arrivare a concludere. Al 10' si rivede il Milan, ma l'interno destro di Deulofeu da dentro l'area è una carezza per Da Costa. Passano tre minuti, e per i rossoneri aumentano i guai con l'espulsione di Kucka (“salutato” all'uscita dal canto 'Sei uno zingaro' della curva Bulgarelli, reduce da 10.000 euro di multa dopo i cori discriminatori di sabato scorso contro i sostenitori napoletani) per doppia ammonizione dopo un pestone a Nagy. Il Bologna prova ad approfittarne: Donadoni inserisce un'altra punta, Petkovic, e al 20' Donnarumma si supera su Krejci, servito da Dzemaili. Le occasioni ghiotte capitano anche al Milan: al 23' Deulofeu semina il panico sulla trequarti, poi serve Pasalic che si fa respingere il tiro da Da Costa, poi sempre l'ex Everton colpisce la traversa sul corner seguente.

Il Bologna si rifà sotto al 30', ma il tocco di Destro su cross di Verdi non trova lo specchio. Proprio nel finale, l'imponderabile: al 41' spunto sulla destra di Deulofeu, tunnel a Krafth e palla perfetta per Pasalic che segna a due passi dalla porta. Per il Milan è festa, al Bologna restano solo i fischi.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti