traffico

Il Mit promette programmazione anticipata per i lavori sulle autostrade liguri

Incontro interlocutorio tra ministero e categorie della Liguria sui danni causati alle imprese dai cantieri autostradali estivi. Tra dieci giorni previsto un nuovo meeting

di Raoul de Forcade

default onloading pic

Incontro interlocutorio tra ministero e categorie della Liguria sui danni causati alle imprese dai cantieri autostradali estivi. Tra dieci giorni previsto un nuovo meeting


2' di lettura

Video-confronto interlocutorio, sulla vicenda dei danni causati alle imprese di lavori estivi sulle autostrade liguri, tra il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e comitato Salviamo Genova e la Liguria, composto dalle principali associazioni di categoria del territorio (oltre 20).

L’incontro era stato convocato per discutere il documento, messo a punto dal comitato, che quantifica in oltre un miliardo il danno procurato dai cantieri al tessuto economico ligure.

Loading...

Il ministro Paola De Micheli, comunque, ha comunicato che, d'ora in avanti, il calendario per pianificare i lavori straordinari di messa in sicurezza delle gallerie autostradali sarà definito con almeno quattro mesi di anticipo. Non all’ultimo, come accaduto questa estate.

I tecnici del ministero, spiega Giuseppe Tagnochetti di Trasportounito, «hanno puntualizzato alcuni elementi e avanzato alcune osservazioni, in merito ai conteggi che abbiamo presentato. Su diversi di questi elementi abbiamo subito dato risposte al Mit. Su altri ci siamo impegnati a fornirle a breve».

A quanto risulta, i tecnici ministeriali hanno chiesto, ad esempio, per quanto attiene al turismo, di depurare in modo più puntuale i dati sugli effetti economici causati dal blocco della logistica e del traffico, da quelli legati all’emergenza Covid.

Per trasporto e spedizioni il Mit ha chiesto alle categorie di fornire dati più obiettivi sui transiti autostradali, che però potranno arrivare, dice Tagnochetti, «quando Autostrade per l’Italia, a cui li abbiamo chiesti, ce li fornirà».

In ogni caso, aggiunge l’esponente di Trasportounito, «i tecnici hanno apprezzato la struttura del nostro documento e il ministro ci ha assicurato che, entro dieci giorni, ci sarà un nuovo incontro, durante il quale il ministero ci sottoporrà una proposta di formalizzazione dei risultati emersi dal nostro documento».

Inoltre, spiega una nota del comitato, il ministro «ha riferito di aver ottenuto, da parte di Aspi, l’impegno a programmare e a comunicare con un anticipo di almeno quattro mesi i lavori straordinari di messa in sicurezza delle gallerie, in modo da ridurre l'impatto negativo sul sistema economico ligure».

La Camera di commercio di Genova, delegata dal comitato, entrerà a far parte del tavolo tecnico che si insedierà in prefettura per coordinare le attività dei cantieri per la messa in sicurezza delle gallerie.Un passaggio considerato fondamentale perché, sottolineano i rappresentanti del comitato, «sono già ricominciate le code sull’A26».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti