formazione, come funziona all’estero

Il modello tedesco per il lavoro under 35

di Laura Cavestri

default onloading pic
(12386)


2' di lettura

Plasmare le competenze 4.0 attraverso il cosiddetto sistema di formazione “duale” e costruire “ponti” per la digitalizzazione delle periferie. In Africa come in Italia.
I problemi della transizione digitale sono comuni e la cornice di Connext ieri è stata anche l’occasione per far “dialogare” l’Italia, in cerca di partnership, con i rappresentanti delle imprese geograficamente più a Nord e più a Sud di noi.
«In Germania, diversamente che in Italia, per legge sono le Camere di Commercio tedesche a certificare la formazione professionale a livello nazionale - ha affermato Katrin Helber, direttrice di Dual Concept, società di formazione della Camera di Commercio italo-germanica -. Crediamo che l’Italia debvba sviluppare maggiormente il sistema di formazione duale tedesco. Noi non teniamo corsi, ma ascoltiamo le esigenze di formazione delle imprese – possono essere affiliate o meno alla Camera italo-tedesca – stiliamo un piano formativo e cerchiamo l’ente di formazione più idoneo con cui svilupparlo»

Nell’Italia che ha più del 30% di disoccupazione giovanile, il “modello tedesco” attrae il parterre di Connext. Eppure, con l’ultima legge di Bilancio, il governo ha dimezzato l’alternanza scuola-lavoro, nemmeno più indispensabile per accedere alla maturità.

«Riteniamo che sia fondamentale allineare la formazione scolastica con le competenze che richiedono le aziende – ha detto ancora Helber –. Questo è l'unico modo per raggiungere un’alta occupabilità dei giovani. I nostri programmi prevedono che almeno il 50% delle ore di formazione sia svolto in azienda. Siamo nati solo nel 2015, sinora abbiamo accompagnato una decina di aziende italiane e tedesche in Italia e formato oltre 100 giovani».

Anche la “Confindustria” marocchina – hub di beni e servizi e logistica sicura verso l’Africa – propone alle imprese italiane di creare partnership di trasferimento tecnologico. «È necessario sviluppare il rapporto tra le imprese italiane e marocchine su un piano più ambizioso – ha spiegato Khalid Benjelloun, vicepresidente di Cgem (la Confindustra marocchina) – che coinvolga anche la digitalizzazione e la ricerca e sviluppo».

Nel 2017, l’export italiano in Marocco è cresciuto del 17%, pari ad 1,8 miliardi e restiamo il 3° partner commerciale, a distanza, dopo Francia e Spagna.

«Il Marocco – ha aggiunto Hassan Aboujoub, ambasciatore in Italia ed ex ministro – ha la prima rete bancaria e aerea di tutta l’Africa. Telecom Maroc è leader in 14v Paesi africani e, al netto di oil&gas siamo i primi investitori nel continente. Credo che ci siano tutte le premesse per partnership utili. A partire dalla digitalizzazione».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...