formazione, come funziona all’estero

Il modello tedesco per il lavoro under 35

di Laura Cavestri


(12386)

2' di lettura

Plasmare le competenze 4.0 attraverso il cosiddetto sistema di formazione “duale” e costruire “ponti” per la digitalizzazione delle periferie. In Africa come in Italia.
I problemi della transizione digitale sono comuni e la cornice di Connext ieri è stata anche l’occasione per far “dialogare” l’Italia, in cerca di partnership, con i rappresentanti delle imprese geograficamente più a Nord e più a Sud di noi.
«In Germania, diversamente che in Italia, per legge sono le Camere di Commercio tedesche a certificare la formazione professionale a livello nazionale - ha affermato Katrin Helber, direttrice di Dual Concept, società di formazione della Camera di Commercio italo-germanica -. Crediamo che l’Italia debvba sviluppare maggiormente il sistema di formazione duale tedesco. Noi non teniamo corsi, ma ascoltiamo le esigenze di formazione delle imprese – possono essere affiliate o meno alla Camera italo-tedesca – stiliamo un piano formativo e cerchiamo l’ente di formazione più idoneo con cui svilupparlo»

Nell’Italia che ha più del 30% di disoccupazione giovanile, il “modello tedesco” attrae il parterre di Connext. Eppure, con l’ultima legge di Bilancio, il governo ha dimezzato l’alternanza scuola-lavoro, nemmeno più indispensabile per accedere alla maturità.

«Riteniamo che sia fondamentale allineare la formazione scolastica con le competenze che richiedono le aziende – ha detto ancora Helber –. Questo è l'unico modo per raggiungere un’alta occupabilità dei giovani. I nostri programmi prevedono che almeno il 50% delle ore di formazione sia svolto in azienda. Siamo nati solo nel 2015, sinora abbiamo accompagnato una decina di aziende italiane e tedesche in Italia e formato oltre 100 giovani».

Anche la “Confindustria” marocchina – hub di beni e servizi e logistica sicura verso l’Africa – propone alle imprese italiane di creare partnership di trasferimento tecnologico. «È necessario sviluppare il rapporto tra le imprese italiane e marocchine su un piano più ambizioso – ha spiegato Khalid Benjelloun, vicepresidente di Cgem (la Confindustra marocchina) – che coinvolga anche la digitalizzazione e la ricerca e sviluppo».

Nel 2017, l’export italiano in Marocco è cresciuto del 17%, pari ad 1,8 miliardi e restiamo il 3° partner commerciale, a distanza, dopo Francia e Spagna.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti