Attualita

Il mondo dell’industria e del lavoro di fronte alle sfide del futuro

A Verona tre giorni di convegno per la terza edizione del Festival del Futuro che torna in presenza

di Luca D'Alessandro

2' di lettura

Il mondo dell'industria, del lavoro e della ricerca dovranno porsi delle domande fondamentali negli anni a venire. Dovranno guardare al futuro con occhi consapevoli delle sfide che già ora si stanno proponendo, molto diverse da quelle che si sospettava potessero nascere solo due anni fa. Perché la pandemia, e la crisi sanitaria globale che ne è conseguita, hanno cambiato tutte le carte in tavola; e la tanto attesa “normalità” successiva non sarà, probabilmente, quella che ci si aspettava.

Parte da questo assoluto la terza edizione del Festival del Futuro 2021, in calendario da giovedì 18 novembre al Veronafiere fino a sabato 20. Evento fortemente voluto in presenza, dopo che nel 2020 la pandemia aveva costretto a una versione totalmente digitale.

Loading...

Il concetto di “new normal is never normal” è il motto di questa edizione, ma anche il taglio di tutte le discussioni e le tavole rotonde che si alternano in una tre giorni piena di ospiti. A partire dal ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, presente tra i relatori dell'evento sia nella veste di membro del Governo che come portavoce di ASviS, Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile; ma anche relatori di respiro internazionale come Mark Esposito e Fabio Moioli, rispettivamente docente di Business and Economics dell'università di Harvard e Head of Consulting and Services in Microsoft.

Gli argomenti sviscerati nelle quindici tavole rotonde organizzate saranno quindi molto variegati. Si è partiti alle 9 di giovedì 18 novembre con il saluto d'apertura dei tre organizzatori principali del Festival: il CEO di Eccellenze d'Impresa e presidente di GEA Luigi Consiglio, il direttore responsabile di Harvard Business Review Italia Enrico Sassoon e l'AD del Gruppo Athesis Matteo Montan. A seguire due incontri riguardanti la tecnologia e come potrà aiutarci o essere nostra nemica, se non sapremo gestirla e applicarla. Spazio poi all'argomento che non può mancare, la salute e come verranno affrontate le prossime crisi globali, e alla space economy, new entry tra i temi trattati nelle tre edizioni.

Da venerdì 19 i temi sono anche sviluppo economico, transizione ecologica ed ecosostenibilità; del mondo del lavoro e delle sfide che dovrà sostenere con la crescente automazione; di geopolitica e del ruolo dell'Europa nei possibili contesti futuri.

In questa edizione del Festival del Futuro debutta anche un nuovo format chiamato Future Arena: un momento di incontro e condivisione tra le start-up e le piccole e medie imprese presenti in sala, a cui si aggiungeranno gli interventi di alcune delle aziende italiane più all'avanguardia dal punto di vista della ricerca e sviluppo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti