Un carnet per riscoprire una Torino tutta all'insegna dell'arte

4/5Weekend

Il Musa e le Gallerie d'Italia a Palazzo Turinetti

La vocazione della città verso l'arte contemporanea è confermata anche dalla presenza in Via della Consolata di MUSA, uno scrigno nato da poco in un palazzo nobiliare del XVIII secolo in corrispondenza della cinta muraria dell'antica cittadella romana a forma pentagonale, in cui si tengono esposizioni di fotografia e scultura ed eventi. Palcoscenico architettonico artistico assolutamente da frequentare è quello allestito alle Gallerie d'Italia che hanno aperto i battenti a Palazzo Turinetti al termine del restyling firmato da Michele De Lucchi - AMDL Circle in quella che era la settecentesca dimora nobiliare del Marchese Giorgio Turinetti di Priero, banchiere del Ducato di Savoia, affacciata con il suo lungo porticato su Piazza San Carlo. Si sale un grande, scenografico scalone per accedere agli spazi espositivi, poi un'immensa vetrata permette di guardare dentro quella Sala dei 300 in cui si tenevano le riunioni più importanti dell'Istituto Bancario Sanpaolo-IMI. Adesso, ad esempio, il protagonista è Gregory Crewdson, che ha scelto appunto Torino per l'anteprima mondiale di Eveningside: le sue sono storie iconografiche create come un set cinematografico e ambientate in una sorta di epilogo planetario.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti