In edicola da venerdì 11 marzo

Il nuovo 24Hours: appuntamento con l’eccellenza del mondo dell’orologeria

Oro bianco, platino, ceramica, titanio purissimo e persino meteorite: dove design e meccanica sono già al top è la ricerca dei materiali che distingue i segnatempo più all'avanguardia.

di Paco Guarnaccia

2' di lettura

I materiali. È questo il focus del primo numero del 2022 di 24Hours. Sono loro, infatti che, sempre più ricercati e moderni, rendono ancora più speciali orologi che per design e meccanica lo sono già.

La cover story è dedicata a un nuovo Speedmaster Calibro 321 di Omega, ispirato al suo primo predecessore del 1957, che utilizza una speciale lega di oro bianco chiamata Canopus Gold creata dallo stesso marchio svizzero. Hublot rilancia l'oro giallo nella sua nuova collezione Big Bang Integral Time Only e su alcuni suoi grandi classici. Oro bianco, ceramica e una spaziale meteorite, quest'ultima usata sul quadrante, sono i protagonisti di un Oyster Perpetual Cosmograph Daytona di Rolex. Per questioni di acustica Patek Philippe ha scelto il platino per il suo Ref. 5750 “Advanced Research” con la sofisticata complicazione della ripetizione minuti, qui dalle performance ancora più alte grazie a delle nuove soluzioni tecniche. Blancpain utilizza il purissimo titanio 23 sull'ultima declinazione del suo leggendario Air Command. Titanio che per Citizen è il suo evoluto e brevettato Super Titanium che usa su tanti dei suoi modelli sportivi. Poi c'è Rado, da anni all'avanguardia nel realizzare orologi in ceramica. Questo ampio approfondimento si chiude con una galleria che ha per protagonisti quattro segnatempo, tutti in materiali diversi, di A. Lange & Söhne, Panerai, Iwc e Richard Mille.

Loading...

La seconda parte del giornale si apre con il ritorno di Serpenti Misteriosi di Bulgari, il nuovo Defy Skyline di Zenith e il Chrono 4 “21-42” con il quale Eberhard & Co. celebra i 20 anni del suo famoso cronografo con il quadrante con i contatori in linea orizzontale. Anche Mido festeggia 20 anni di ispirazione al mondo dell'architettura, con una serie di orologi in edizione limitata. Ancora, il terzo orologio connesso di Louis Vuitton.

Non mancano le interviste e gli appuntamenti one to one. Il primo incontro è con Fred Buyle, fotografo apneista specializzato in scatti sottomarini mozzafiato; il secondo con Danilo Callegari, atleta capace di tante imprese avventurose; il terzo con Thierry Donard, regista esperto in produzione di film o video sugli sport estremi; il quarto con Stefano Ghisolfi, uno dei climber italiani più forti di sempre. Il viaggio tra le boutique orologiere d'eccellenza in Italia continua questa volta in Sicilia, alla scoperta di Palumbo & Gigante. Chiusura in bellezza con le preziose creazioni per il polso al femminile di Chanel e Audemars Piguet.

Riproduzione riservata ©

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti