LA RIPRESA DEL CAMPIONATO

Il nuovo Dpcm del romanista Conte rinvia a data da destinare il sogno scudetto della Lazio di Lotito

In attesa che arrivino i protocolli per una vera ripresa degli allenamenti collettivi delle squadre di calcio a partire dal 18 maggio 2020, è il nuovo Dpcm a ignorare totalmente le indicazioni della Lega di una possibile ripresa del massimo campionato di calcio dal 13 giugno 2020

di Marco Mobili

Campionato, Spadafora: "Si riprendera' solo se ci sara' totale sicurezza"

In attesa che arrivino i protocolli per una vera ripresa degli allenamenti collettivi delle squadre di calcio a partire dal 18 maggio 2020, è il nuovo Dpcm a ignorare totalmente le indicazioni della Lega di una possibile ripresa del massimo campionato di calcio dal 13 giugno 2020


2' di lettura

Il Governo entra a gamba tesa sul campionato di calcio di serie A e sulle speranze del presidente della Lazio Claudio Lotito di riprendere dal 13 giugno l’inseguimento alla “Vecchia Signora”.

In attesa che arrivino i protocolli per una vera ripresa degli allenamenti collettivi delle squadre di calcio a partire dal 18 maggio 2020, è il nuovo Dpcm a ignorare totalmente le indicazioni della Lega di una possibile ripresa del massimo campionato di calcio dal 13 giugno 2020. Non sarà voluto, o forse sì più per motivi sanitari che calcistici, ma a rinviare ancora la ripresa del campionato di calcio è quello che i giuristi chiamano “il combinato disposto” di due norme introdotte con il nuovo decreto che disciplina la riapertura di tutte o quasi le attività economiche del Paese.

Sospensione dei campionati
La lettera e) dell’articolo 1 del nuovo decreto firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prevede espressamente la sospensione di «eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati». Al massimo è consentita «la graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto di prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da Covid-19, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra» sempre e comunque «nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse». Divieto alle competizioni sportive che, come prevede il successivo articolo 11 dello stesso Dpcm è in vigore dal 18 maggio al 14 giugno 2020. Per questo la ripresa della serie A e del sogno scudetto di Lotito è rinviato a data da destinare.

Per approfondire:
Nel giorno della ripartenza resta in panchina solo il calcio
Spostamenti, bar, ristoranti e negozi: calendario e regole per le riaperture Regioni in ordine sparso

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...