scheda

Il «pacchetto previdenza»


2' di lettura

1) PACE
Niente sanzioni e interessi per i «vuoti» post 1996

Ricostruzione contributiva
Per chiudere i “buchi” contributivi degli anni post-1996 si potranno versare mini-quote senza interessi e sanzioni calcolate sullo stipendio dell'anno seguente al “vuoto” o con un forfait

2) PENSIONI D'ORO
Contributo di solidarietà per 5 anni su 5 aliquote

Il taglio
Prelievo di 5 anni e con 5 aliquote progressive. Si parte da 8-10% fino a 130mila euro; 12- 14% fino a 200mila; 14-16% fino a 350mila; 16-18% fino a 500mila; 20% oltre questa soglia.

3) NUOVE ANZIANITÀ
Fino a nove finestre per le uscite anticipate dal lavoro
Sette «opzioni» per quota 100

Il posticipo di 3 mesi per le nuove anzianità impatta anche sugli anticipi: restano a 42 anni e 10 mesi fino al 2023 ma con decorrenze spostate di tre mesi. Compresa questa le finestre sono 9 : 7 per “quota 100” e 1 per opzione donna

4) QUOTA 100 DA APRILE
Divieto di cumulo oltre 5mila euro nei primi 2 anni
Disincentivo

Non c'è solo l'assegno più leggero per chi si ritira fino a 5 anni prima con “quota 100”. Nei primi 2 anni da pensionato non si potranno cumulare più di 5mila euro l'anno di redditi da lavoro

5) OPZIONE DONNA
Proroga fino al 2021 per l'uscita con 58 anni e 35 di contributi
No adeguamento automatico

Proroga fino al 2021 di “opzione donna”, con la possibilità di pensionamento a 58 anni e 35 di contributi. Si applica una finestra mobile di 12 mesi per le dipendenti e di 18 per le autonome

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti