Attualita

Il Papa rilancia il «rischio-razzismo» verso migranti e rifugiati

di Carlo Marroni


Papa, obiezione coscienza sia praticata nel rispetto

3' di lettura

“Le cattiverie e le brutture del nostro tempo accrescono il nostro timore verso gli altri, gli sconosciuti, gli emarginati, i forestieri. E questo si nota particolarmente oggi, di fronte all'arrivo di migranti e rifugiati che bussano alla nostra porta in cerca di protezione, di sicurezza e di un futuro migliore. È vero, il timore è legittimo, anche perché manca la preparazione a questo incontro. Il problema non è il fatto di avere dubbi e timori. Il problema è quando questi condizionano il nostro modo di pensare e di agire al punto da renderci intolleranti, chiusi, forse anche – senza accorgercene – razzisti”. È uno dei passaggi del lungo messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, presentato oggi in sala stampa vaticana. I contenuti del messaggio rilanciano in buona parte dei contenuti già espressi in mote occasioni da Bergoglio, ma che assumono particolare significato all'indomani delle elezioni europee.

GUARDA IL VIDEO - Papa, obiezione coscienza sia praticata nel rispetto

“L'attività politica metta sempre al centro la persona”
“In ogni attività politica, in ogni programma, in ogni azione pastorale dobbiamo sempre mettere al centro la persona, nelle sue molteplici dimensioni, compresa quella spirituale. E questo vale per tutte le persone, alle quali va riconosciuta la fondamentale uguaglianza” scrive il Papa, che ricorda come “la risposta alla sfida posta dalle migrazioni contemporanee si può riassumere in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. Ma questi verbi non valgono solo per i migranti e i rifugiati tutti gli abitanti delle periferie esistenziali, che devono essere accolti, protetti, promossi e integrati”.

GUARDA IL VIDEO - Dalle docce per clochard al contatore riattivato, chi è don Corrado, l'elemosiniere di Papa Francesco

Migranti sono diventati “l'emblema dell’esclusione”
“Conflitti violenti e vere e proprie guerre non cessano di lacerare l'umanità; ingiustizie e discriminazioni si susseguono; si stenta a superare gli squilibri economici e sociali, su scala locale o globale. E a fare le spese di tutto questo sono soprattutto i più poveri e svantaggiati”, scrive Bergoglio, che nella sua pastorale ha sempre rimarcato come “le società economicamente più avanzate sviluppano al proprio interno la tendenza a un accentuato individualismo che, unito alla mentalità utilitaristica e moltiplicato dalla rete mediatica, produce la globalizzazione dell'indifferenza”. In questo scenario “i migranti, i rifugiati, gli sfollati e le vittime della tratta sono diventati emblema dell'esclusione perché, oltre ai disagi che la loro condizione di per sé comporta, sono spesso caricati di un giudizio negativo che li considera come causa dei mali sociali.

“I ricchi vendono le armi ma non si fanno carico di chi fugge dalle guerre”
“L'atteggiamento nei loro confronti rappresenta un campanello di allarme che avvisa del declino morale a cui si va incontro se si continua a concedere terreno alla cultura dello scarto. Infatti, su questa via, ogni soggetto che non rientra nei canoni del benessere fisico, psichico e sociale diventa a rischio di emarginazione e di esclusione”. Inoltre «i paesi in via di sviluppo continuano ad essere depauperati delle loro migliori risorse naturali e umane a beneficio di pochi mercati privilegiati. Le guerre interessano solo alcune regioni del mondo, ma le armi per farle vengono prodotte e vendute in altre regioni, le quali poi non vogliono farsi carico dei rifugiati prodotti da tali conflitti”

Riproduzione riservata ©
    Per saperne di più

    loading...

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...