analisiCORONAVIRUS

Il Parlamento deve poter funzionare sempre, ancor più dopo l’emergenza

Rischio di una incapacità deliberativa delle camere a causa della pandemia

di Montesquieu

default onloading pic
Rischio di una incapacità deliberativa delle camere a causa del coronavirus (imagoeconomica)

3' di lettura

Troppo poco ci si è stupiti, la scorsa estate, per la chiusura del Parlamento britannico da parte della Regina Elisabetta. Quasi fosse una normale notizia di cronaca politica, tra le tante, peraltro stupefacenti, che giungevano in quel periodo da quel Parlamento, e che ci facevano guardare con orgoglio le nostre bistrattate Camere.

La Regina e il premier Johnson, insieme, sospendevano l’attività parlamentare: quindi la democrazia, almeno con riguardo a quelle decisioni che solo il Parlamento può assumere. Lì come qui. Un accordo insano, una strozzatura delle forma più elementare di separazione dei poteri , il governo che soffoca il Parlamento. Da allora conosciamo, di Boris Johnson , la raffinata cultura classica , una lacunosa sensibilità istituzionale e democratica, e, da ultimo, in tempo di coronavirus , una precaria disposizione filantropica.

Oggi, il rischio di una incapacità deliberativa delle camere è problema italiano, per la decimazione galoppante che il coronavirus sta operando nei ranghi parlamentari, così da rendere inesistenti e comunque casuali le maggioranze e le minoranze. Sul Sole 24 Ore del 16 marzo, il costituzionalista Francesco Clementi riassume il senso di un dibattito che si svolge dentro e fuori le Camere, e prospetta le soluzioni praticabili e compatibili con la Costituzione e le procedure parlamentari, al netto di alcune interpretazioni o limitate modifiche regolamentari.

In sostanza , si tratterebbe di costituire una o due commissioni speciali, istituto già previsto per la trattazione di temi plurisettoriali. E di consentire i voti delle assemblee a distanza, sugli articoli e sul testo nel suo insieme. Non stupirà nessuno che si tratti di soluzioni al giorno d’oggi non rigettabili, alle semplici condizioni che si rispetti la relazione tra maggioranza ed opposizione e i rapporti all’interno di entrambe ,almeno tendenzialmente.

Poi, ovviamente, sconfitto il nemico invisibile , tutto dovrebbe tornare alla normalità procedurale , quella disegnata nell’art. 72 della Costituzione e nelle conseguenti proiezioni regolamentari. Ecco, il problema più complicato- assai più di quello di cui si discute per l’emergenza -, sorge a questo riguardo. Se vi fosse, e fosse praticato su larga scala, dentro e intorno alle Camere, un vaccino contro l’ipocrisia, gli elettori italiani, sovrani secondo Costituzione, apprenderebbero che nulla o quasi di quanto dispongono quelle norme viene rispettato, in termini di prerogative delle Camere e dei singoli parlamentari.

I testi che dovrebbero formarsi nell’esame preliminare nelle Commissioni, vengono di regola accantonati, nell’attesa che il testo da discutere davvero nelle Assemblee sia trasmesso dai palazzi del Governo. E passi. Quei testi hanno la particolarità di essere infiniti, fino a contenere migliaia di norme, micronorme e quasi norme. E non sono scomponibili in articoli, come pure prevede tassativamente la Costituzione. Perché? Il motivo è che quel testo va votato in un sol colpo, alla faccia del principio per cui i cittadini sono tenuti alla conoscenza delle norme che li riguardano, e che per questo dovrebbero essere almeno comprensibili.

I parlamentari, a questo punto , riacquistano il potere di vita o di morte su quel testo , viene da pensare. Per evitare sorprese, il voto ( singolare) non riguarda quel testo e la materia trattata, ma diventa una dichiarazione di fedeltà al governo. Vale a dire, se si vota contro , non si boccia quella legge, si fa cadere l’intero governo. Scompaiono poteri inalienabili, quale quello di presentare emendamenti ,e altri intuibili. Forse, prima di ridurne la consistenza, si potrebbe restituire ai parlamentari il maltolto, per vedere l’uso che saprebbero farne.

Ora , fare gli schizzinosi riguardo a queste deroghe imposte dalla situazione di emergenza, apparirebbe davvero un capolavoro di ipocrisia. Perché, invece, i presidenti delle camere, i parlamentari di buona volontà, i commentatori , i costituzionalisti non usano questo passaggio per caldeggiare il ripristino rigoroso e fedele del procedimento legislativo secondo Costituzione? Probabilmente, il primo plauso, convinto, arriverebbe dal Quirinale, questa volta dal Presidente Mattarella in persona.

montesquieu.tn@gmail.com

Per approfondire:
La frammentazione della politica esalta le funzioni al servizio di tutti

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...