MATERIE PRIME

Il petrolio vola ai massimi da 6 mesi dopo la stretta Usa sull’Iran

di Gerardo Graziola


default onloading pic
Il campo petrolifero di Soroush in Iran, sul Golfo Persico (Reuters)

2' di lettura

I corsi del petrolio continuano a salire e stamani sul mercato asiatico hanno raggiunto i nuovi massimi da sei mesi. La stretta decisa dall'amministrazione Trump nei confronti delle esportazioni di greggio dell'Iran sta mettendo le ali ai corsi del barile.

Il petrolio Wti in Asia stamani è stato scambiato a 65,84 dollari in rialzo di 29 centesimi mentre il petrolio Brent è scambiato a 74,28 dollari (+24 centesimi). La Casa Bianca ha ufficializzato la fine dell'esenzione nei confronti degli otto paesi, tra cui l'Italia, che potevano ancora importare greggio iraniano.

L'amministrazione Usa ha deciso di mettere fine dal prossimo 2 maggio alla deroga concessa a otto paesi che ancora importano il greggio iraniano. Gli otto paesi oltre all'Italia sono Cina, Turchia, India, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Grecia. Gli Usa minacciano sanzioni nei confronti di chi non seguirà il diktat. La Turchia e la Corea del Sud hanno già protestato per l'annuncio Usa. Dura, in particolare la reazione turca con il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu che ha dichiarato che Ankara non accetta sanzioni unilaterali e “vincoli sulla gestione delle nostre relazioni con i paesi vicini”. L'obiettivo degli Usa è di azzerare le esportazioni di petrolio iraniano per privare di risorse Teheran considerato il nemico nel Medio Oriente.

Alcuni degli otto paesi in questione, con la spada di Damocle del divieto americano, avevano in realtà già ridimensionato o di fatto cancellato il loro import dalla nazione mediorientale. Tra questi proprio l'Italia, stando alle stesse fonti americane: il Dipartimento di Stato nelle scorse settimane avevano citato tre nazioni sulle otto che quest'anno avevano ormai azzerato l'import messo all'indice e gli osservatori le avevano identificate con Italia, Grecia e Taiwan.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...