Risultati semestrali

Il Polo Sace-Simest spinge le imprese con otto miliardi di risorse

Nei primi sei mesi del 2018, il Polo per l’export e l’internazionalizzazione ha assicurato una forte accelerazione nell’esecuzione del piano industriale e nel supporto alle piccole e medie aziende

di Celestina Dominelli


Cernobbio, Quintieri: l’Italia pagherebbe a caro prezzo una guerra commerciale

2' di lettura

Sace-Simest, il Polo per l’export e l’internazionalizzazione targato Cassa depositi e prestiti chiude il semestre con otto miliardi di risorse mobilitate a sostegno delle imprese, di cui una fetta consistente (4,1 miliardi) sono andate alle Pmi con una crescita dell’8% e oltre 7mila operazioni concluse con piccole e medie realtà. Risultati che, secondo il Polo, sono frutto di una forte accelerazione verso il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale 2019-2021 approvato lo scorso febbraio.

GUARDA IL VIDEO - Cernobbio, Quintieri: l’Italia pagherebbe a caro prezzo una guerra commerciale

Le nuove iniziative avviate nel semestre
Nei primi sei mesi dell’anno, sono state così messe in pista una serie di iniziative volte ad avvicinare ancor di più il Polo a questo segmento cruciale dell’economia italiana: dal lancio di un nuovo modello commerciale, che ha previsto anche l’introduzione di un consulente dedicato per l’affiancamento alle pmi (l’export coach) alla completa digitalizzazione di cinque prodotti chiave per le Pmi, fino al rafforzamento del programma Education to export che ha consentito di supportare già 700 piccole e medie aziende nei loro piani di crescita.

L’ad Decio: stiamo procedendo con efficacia sul piano industriale
«Abbiamo chiuso con soddisfazione un ottimo primo semestre – ha commentato dichiarato l’ad di Sace, Alessandro Decio -. Nonostante il rallentamento internazionale, stiamo procedendo con grande efficacia nella realizzazione del nuovo piano industriale, in totale continuità con quanto fatto in precedenza. Nel primo semestre dell’anno abbiamo aumentato il sostegno alle piccole e medie imprese, preparandoci a chiudere l’anno con un aumento del 40% del numero dei clienti serviti, in prevalenza Pmi».

In campo 8 miliardi di risorse a sostegno delle imprese
Le risorse complessivamente mobilitate dal Polo a sostegno delle imprese italiane sono state, come detto, pari a 8 miliardi di euro, rispetto ai 9,9 miliardi di euro mobilitati dello stesso periodo dello scorso anno, per effetto dello slittamento di alcune grandi operazioni già deliberate e attualmente in attesa del perfezionamento previsto dal quadro normativo vigente, per un ammontare complessivo di circa 4 miliardi di euro.

In crescita premi lordi e utile netto
Rispetto agli altri indicati, Sace ha chiuso il primo semestre 2019 con premi lordi e utile netto in aumento, pari, rispettivamente, a 338 milioni di euro (+31%) e 127 milioni di euro (+ 5%). Tali risultati sono stati raggiunti, spiega la società, «confermando la sostenibilità economico-finanziaria (ROE a 5,4%) e la solidità patrimoniale del modello di business (SCR a 178%)» e «sono stati oggetto di particolare apprezzamento da parte del cda anche alla luce della complessità del contesto generale».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...