Tav, autonomie, caso Diciotti, reddito di cittadinanza, nomine: i 5 dossier su cui litigano Salvini e Di Maio

4/6Politica

Il pressing degli ortodossi M5s per il sì all'autorizzazione a procedere per Salvini sul caso Diciotti


(Ansa)

Un'altra incognita che incombe sulla tenuta della maggioranza riguarda il caso Diciotti, e in particolare la richiesta del Tribunale dei ministri di poter processare Matteo Salvini (indagato per abuso di potere e sequestro di persona) per aver impedito a 177 migranti di scendere dalla nave. Qui il rischio di una spaccatura è molto alto. Domani, mercoledì 13 febbraio, tornerà a riunirsi la Giunta per le immunità del Senato. La “debacle” del Movimento in Abruzzo potrebbe spingere i pentastellati a puntare decisamente verso un via libera all'autorizzazione. Se da un lato questa scelta consentirebbe a Di Maio di serrare le fila all'interno del Movimento, venendo incontro alle richieste dell'ala ortodossa capitanata dal presidente della Camera Roberto Fico, dall'altra potrebbe determinare la reazione dell'alleato di governo. In più di un'occasione Salvini ha messo in evidenza che la linea politica in materia di gestione dei migranti e sicurezza è condivisa da tutto l'esecutivo. Lo stesso Conte si è assunto la responsabilità delle scelte fatte in quella circostanza.

Riproduzione riservata ©

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti