opening

Il racconto del territorio nel rinnovato Abi d’Oru, hotel storico della Costa Smeralda

di Sara Magro

2' di lettura

L’Hotel Abi D'Oru è un indirizzo che appartiene alla storia del turismo di lusso in Sardegna: primo albergo di Porto Rotondo, lo aveva fatto costruire nel 1963 il conte Vittorio Cini, patron di Ciga Hotels, il gruppo che all’epoca rappresentava l’alta ospitalità italiana amata e riconosciuta tra le migliori anche a livello internazionale. Al conte non mancavano certamente intuito e talent scouting: affidò perciò il progetto a Simon Mossa, intellettuale e architetto sardo che entrò successivamente nel comitato dell’Aga Khan per la realizzazione della Costa Smeralda, che sarebbe nata di lì a poco per diventare uno dei maggiori successi turistici italiani di sempre.

In Costa Smeralda riapre l’hotel Abi d’Oru

In Costa Smeralda riapre l’hotel Abi d’Oru

Photogallery12 foto

Visualizza

Visto in pianta, il progetto dell’Abi d’Oru (“ape d’oro” tradotto dal sardo) è un alveare di esagoni che ospitano le 162 camere, attorniate da un grande giardino con piscina, quasi tutte rivolte verso il mare con vista sul Golfo di Marinella e a due passi, letteralmente, dalla spiaggia in parte riservata agli ospiti.
Dopo anni di affiliazione a vari tour operator che ne avevano stravolto pubblico e stile nonostante le cinque stelle, la famiglia Zuccheddu ha ripreso in mano la proprietà per portarla allo stato dell’arte e farla tornare agli splendori di una volta, nel rispetto del gusto e delle tradizioni della zona.

Loading...

La suite dedicata a Grazia Deledda

Il percorso di attualizzazione è iniziato lo scorso anno con la nuova Spa, grande e completa di sauna, bagno turco, docce emozionali e un bel menu di massaggi, e due sontuose suite presidenziali con ascensore privato, marmi di Ulassai, finiture dorate e terrazze che sono un palco d’onore sullo spettacolo della baia.
I cambiamenti quest’anno sono più sostanziali. L’hotel ha riaperto con 50 camere arredate con mobili e artigianato locale, come i tappeti “a pibiones” tessuti a mano nell’entroterra sardo.

Anche negli spazi comuni l'atmosfera è nuova, dalla lobby, ora un salotto accogliente dove è stata aggiunta anche la conciergerie, al ristorante Marinella, con i tavoli quasi sulla spiaggia, dove a pranzo ci si serve al buffet e alla griglia. L'atmosfera cambia completamente la sera, con menu à la carte e vini o cocktail da gustare al lume di candela. Nuovo anche il club per i bambini, dove sono stati introdotti sport d’acqua, giochi e intrattenimento con istruttori professionisti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti