CONNETTIVITÀ

Il rating WiredScore entra nel mercato italiano

Il sistema internazionale, fondato nel 2013 a New York, valuta la connettività digitale degli immobili e il rispetto degli standard fissati. In questa prima fase verranno certificati circa 20 edifici italiani

di Paola Pierotti

default onloading pic

Il sistema internazionale, fondato nel 2013 a New York, valuta la connettività digitale degli immobili e il rispetto degli standard fissati. In questa prima fase verranno certificati circa 20 edifici italiani


3' di lettura

Oltre 55 milioni di metri quadri di asset immobiliari hanno ricevuto il rating WiredScore. Oltre 6 milioni di persone usufruiscono degli edifici certificati WiredScore. Ma di cosa si tratta? Di patrimonio immobiliare digitalizzato, ad alta connettività. WiredScore è un sistema internazionale, fondato nel 2013 a New York con l’endorsement dell’ex sindaco Michael Bloomberg, per la valutazione della connettività digitale degli immobili che ha annunciato in queste ore il suo ingresso sul mercato italiano, raggiungendo così la presenza in dieci mercati internazionali.

La mission

La mission di WiredScore è incentivare una maggiore trasparenza in tema di connettività e infrastrutture digitali. Si certifica quindi per gli immobili il grado di sicurezza (le apparecchiature più importanti sono protette da danni accidentali o ambientali?), si presta attenzione all’importanza di avere più scelte (i fornitori di fibra ottica ad alta velocità dell’edificio sono più di uno? Garantiscono prezzi competitivi?), si studia la preparazione e flessibilità per il futuro (sono presenti caratteristiche di flessibilità e capacità di adattamento alle nuove tecnologie?). Non solo. Si valuta anche l’esperienza dei tenant (l’edificio offre agli inquilini un’esperienza di connettività digitale senza soluzione di continuità). Infine, ancora occhio all’affidabilità, perché un’attenta pianificazione delle infrastrutture permette di limitare i possibili blackout.

Loading...

Una garanzia per proprietari e sviluppatori immobiliari

Il rating WiredScore si propone infatti come punto di riferimento indipendente e affidabile, in grado di assicurare che gli edifici rispettino gli standard di connettività, soddisfacendo le attuali aspettative e assicurando che gli asset immobiliari siano all'avanguardia per stare al passo con le esigenze tecnologiche dei locatari, in costante evoluzione. Dopo il successo ottenuto negli Stati Uniti, Regno Unito, Europa e Australia, ora WiredScore fa il suo ingresso nel mercato italiano potendo già contare su di un portafoglio composto da 22 edifici di proprietari all’avanguardia, tra cui Antirion sgr, AXA Investment Managers, Real Assets, Barings Real Estate, Savills IM, CityLife, Coima, Commerz Real, Covivio, Europa Risorse e Lendlease. Ecco che WiredScore certificherà in questa prima fase una ventina di edifici, tra cui Blue Building, Sesto San Giovanni; Corso Como Place; COIMA HQ; ED.G.E.; Gioia 20; Il Portico; Le 4 Porte; MIND Hub; MIND Office 4.1.1; MIND Office 4.1.2; Monte Rosa 91; Pirelli 35; Rizzoli, San Fedele; Segreen; Viale Cassala 22; Villa Corniola; Villa Quarzo; Villa Onice; Wellio Milan Dante, e altri.

Operazioni immobiliari di eccellenza che si uniscono alla lista di altri edifici iconici in tutto il mondo che hanno ottenuto la classificazione Platinum, tra cui l’Empire State Building a New York, The Shard a Londra e la Willis Tower a Chicago.

«Oggi più che mai – ha spiegato William Newton, presidente e managing director di WiredScore – le aziende di tutto il mondo sono sempre più consapevoli di quanto sia importante essere connessi e accessibili dal punto di vista digitale per continuare ad operare in considerazione di una forza lavoro dislocata in più parti del mondo. I locatari che fanno della connettività digitale la loro priorità e che investono in queste tecnologie continueranno ad attirare nuovi affittuari e a mantenere quelli già esistenti. Siamo entusiasti di lanciare WiredScore in Italia, potendo già contare sull’importante supporto dei proprietari che hanno avviato il percorso per ottenere la certificazione WiredScore. Non vediamo l’ora di collaborare con i locatari e gli imprenditori edili più lungimiranti d’Italia per garantire una migliore connettività, trasparenza e, quindi, una maggiore produttività alle imprese italiane». In un’economia sempre più incentrata sulla tecnologia, la connettività sta rapidamente diventando il fattore più rilevante per i locatari durante la fase di selezione degli edifici per i propri uffici. Il processo prevede una verifica iniziale, interventi di miglioramento attraverso sopralluoghi e poi un’attività di rating, una campagna di comunicazione e molta formazione. I livelli? Le denominazioni che ricordano quelle del Leed: Novixn-Certified, Undergoing, Certified, Silver, Gold, Platinum.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati