big data

Il rebus della gestione dei file tenuti in archivio

A un anno dal varo, resta l’incertezza sull’applicazione del regolamento dell’Unione Europea in materia di trattamento dei dati personali e di privacy

di Pier Luigi del Viscovo


default onloading pic
(Afp)

3' di lettura

La company car del manager di una qualsiasi azienda italiana è dotata di una scatola nera che registra i movimenti e altri dati che pone alcune domande. Per quanto tempo le informazioni devono essere conservate? Chi ha il diritto di conoscerle? Nel caso che vengano richiesti dalle autorità di pubblica sicurezza per un’indagine, bisogna comunicarlo al titolare dei dati?

A un anno dall’operatività del GDPR (General Data Protection Regulation, il regolamento dell’Unione Europea in materia di trattamento dei dati personali e di privacy) il settore delle flotte inizia a confrontarsi con l’osservanza delle norme, alla luce del pronunciamento del Garante per la Protezione dei Dati Personali (privacy). Questi, col provvedimento n. 396 del 28 giugno 2018, nel mettere al centro gli aspetti relativi alla geolocalizzazione del veicolo, ha posto l’enfasi sul principio di proporzionalità, per cui la liceità del trattamento dei dati trova il suo limite nella realizzazione della finalità a cui il trattamento stesso tende: laddove il trattamento dei dati ecceda tale finalità diventa non più pertinente.

Come si capisce, diventano essenziali alcune valutazioni di merito, a cui sono chiamati gli operatori della telematica, che ne avvertono il disagio. Una norma stringente, puntuale, sarebbe di gran lunga più confortevole, nella misura in cui porrebbe appunto dei confini precisi tra cosa fare e cosa non fare e, soprattutto, uguali per tutti. Per questo gli operatori della telematica associati ad Aniasa (l’associazione dei noleggiatori) hanno lavorato negli ultimi mesi per delineare alcune fattispecie concrete che, a loro avviso, avrebbero bisogno di un’indicazione circoscritta da parte del Garante.

Lo scopo è non ritrovarsi sul mercato a offrire dei servizi che recepiscano i vincoli del GDPR in modo variabile, a seconda delle diverse sensibilità dei legali che stanno dietro ai vari operatori. Ovviamente, alcuni si sentono penalizzati da interpretazioni eccessivamente restrittive, laddove altri magari potranno rischiare di essere giudicati troppo permissivi. È ciò che accade quando nel business si usa il common sense, un attributo che sempre più di frequente viene evitato. Entrando nel merito, i punti in questione sono i seguenti.

Innanzitutto, il periodo di conservazione dei dati. Oggi ogni soggetto operatore si muove in autonomia, creando una varietà di offerte sul medesimo servizio. Seguendo il principio di proporzionalità, il tempo dovrebbe essere tale da consentire di perseguire la finalità del servizio. Il punto è che i dati sono molteplici e servono a tanti scopi, dalla ricostruzione della dinamica di un sinistro alle violazioni del Codice della Strada. Di conseguenza, gli operatori dovrebbero configurarli e gestirli in maniera segmentata, con evidenti complicazioni e aggravi di costo. Oppure ignorare simili sottigliezze e rischiare, assumendo che una finalità agisca da salvacondotto per tutti i dati. Faccenda più che opinabile.

L’altra fattispecie, come anticipato, è legata a quei casi in cui i dati relativi ai movimenti di un driver siano osservati dall’autorità di pubblica sicurezza, nel corso di un’indagine. La normativa impone agli operatori di informare il titolare dei dati, ossia il soggetto osservato, della richiesta di acquisizione dei dati. La preoccupazione degli operatori è che, rispettando la lettera del GDPR, possano compromettere l’attività investigativa.

Una possibilità di mettere tutti d’accordo potrebbe essere l’indicazione da parte del Garante di impostare le scatole nere sulla posizione “privacy-by-default”. Impostazione che verrebbe automaticamente annullata in caso di crash e/o di SOS.

Un ulteriore terreno di incertezza è quello dell’intervallo di raccolta dei dati di geolocalizzazione. Oggi gli operatori possono impostare sia la frequenza di generazione del dato (un secondo o frazioni) sia la modalità di pubblicazione (secondi o minuti). Anche qui, il principio di proporzionalità impone che tali intervalli siano dimensionati in funzione delle finalità: infatti, ognuno si regola in modo diverso.

Ultimo, ma non ultimo, l’opportunità di considerare estranei al perimetro della Privacy i dati relativi alla diagnostica del veicolo.

Insomma, una materia nuova e sfaccettata, su cui gli operatori delle flotte e della telematica avranno modo di confrontarsi il prossimo 22 novembre a Roma, in un tavolo organizzato appositamente per loro dal Centro Studi Fleet&Mobility.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...