ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPARIGI, GIORNO 2

Il rigore resetta la femminilità sfrontata. Ma l’effetto detox non spegne la seduzione

Per The Row collezione dalla radice maschile, niente tacchi e colori neutri. Gabriele Colangelo punta sui colori dell’alba, mentre Acne Studio plasma una Lolita digitale ironica

di Angelo Flaccavento

Acne Studios (Epa/Mohammed Badra)

3' di lettura

Il potere estetico di semplificazione e riduzione è incomparabile: l’equivalente di un detox, che periodicamente resetta. Questo è uno di quei momenti. Nell’affermarsi di una femminilità scosciata e sfrontata - perfettamente lecita, sia chiaro, ma hic et nunc fin troppo generalista - un po’ di rigore corrobora.

Assistere ad uno show di The Row è come entrare in un convento di clausura, e poco importa che il convento in questione sia un palazzetto patrizio a due passi dall'Opéra. Il team è vestito di nero, con camicie bianche immacolate e inamidate, e si muove quasi senza far rumore; regna una calma irreale. Le gemelle Olsen hanno creato un mondo tutto loro, di lussuosa rinuncia al superfluo. Le influenze sono chiare: Zoran, Jil Sander, il primo Yohji Yamamoto. L’esecuzione, peró, è personale: decisamente wasp e calvinista, da ricche americane che i million dollars non li sbattono in faccia a nessuno, ma se li godono in privato. La loro moda è sussurrata e pratica, non prevede tacchi e nemmeno picchi di colore oltre i neutri, il bianco, il nero, e ha una radice maschile.

Loading...

Acne Studios ( EPA/Mohammed Badra)

La prova di questa stagione è lirica, di una essenzialità che rasserena occhi e spirito. Dries Van Noten è uno splendido colorista, capace di accostamenti inusitati ma mai azzardati, garruli, volgari. Questa stagione, per sottolineare il messaggio di gioia che è una esplosione di rouche e di fiori, apre in nero, e in nero continua per oltre metà della sfilata. È un movimento dal buio alla luce, dal rigore scultoreo al flou spumeggiante, punteggiato da gioielli di vetro, materia fragilissima dall'apparenza coriacea, e per questo fortemente metaforica. Anche Gabriele Colangelo pensa alle tenebre che si illuminano, e spalma le forme essenziali che lo contraddistinguono con i colori accesi dell’alba. Non manca il nero, smaterializzato e alleggerito da tagli e gioielli, di un rigore affatto sensuale.

Da Courreges la semplicità ha un altro tono: teso, industriale, metropolitano, tra lattice e metallo, gonne cortissime e camicie larghe, asimmetrie e concretezze. Il tutto, peró, con i piedi piantati nella sabbia di in set che segna il tempo come una gigantesca clessidra, quasi a ricordare che la connessione tra naturale e artificiale è possibile, ed è proprio data dallo scandire astratto dei minuti. Mai sottovalutare il potere di pizzi, trine e falpalà in una stagione votata alla seduzione. Da Acne Studios la glassa zuccherina dei colori pastello, dei cuoricini e dei nastri di raso è pura copertura di un’idea di femminilità bambolesca e predace, da vera Lolita digitale. Lo humor è l'ingrediente segreto, quello che fa funzionare tutto.

Balmain (JULIEN DE ROSA / AFP)

Da Undercover, rouche di pizzo bordano i tagli e le fenditure che, alla stregua di colpi di rasoio, attraversano giacche e abiti invero molto eleganti. L’equilibrio tra furia punk e grazie è notevole: il segno inconfondibile di Jun Takahashi, che del marchio è la mente. Le balze di Rochas, invece, sono distribuite un po' a caso, senza troppa visione: Charles de Vilmorin, alla guida creativa, incespica, e non bastano la bella presenza e l'alto lignaggio a salvarlo. Da Balmain, infine, lo show è aperto al pubblico ed è parte di un concerto. L'intento inclusivo da parte del direttore creativo Olivier Rousteing è comprensibile e lodevole, ma si traduce in una collezione megalomane, deragliante, confusa, piena di citazioni mal digerite da Gaultier e Westwood. Piccolo e ben fatto, in genere, è meglio.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti