cinema

Il ritorno della famiglia Addams in un film d’animazione per ragazzi

Nel weekend spazio al nuovo lungometraggio con al centro la strampalata famiglia creata dal vignettista Charles Addams. Tra le novità in sala anche «L’età giovane» dei fratelli Dardenne

di Andrea Chimento


default onloading pic
La famiglia Addams

2' di lettura

Nella settimana di Halloween sono diversi i film ad alto tasso d'orrore proposti nelle nostre sale: tra questi, anche alcuni titoli pensati per i ragazzi, come «Scary Stories to Tell In the Dark» (uscito giovedì scorso) e la nuova versione de «La famiglia Addams».

Quest'ultimo è uno dei grandi protagonisti del weekend al cinema: i celebri personaggi creati dal vignettista Charles Addams alla fine degli anni Trenta del secolo scorso, rivivono sul grande schermo dopo i fortunati film degli anni Novanta, che vedevano nel cast volti noti come Angelica Huston, Christopher Lloyd e Christina Ricci.
In questo caso, invece, i produttori hanno optato per realizzare un lungometraggio d'animazione, diretto da Greg Tiernan e Conrad Vernon, già registi del curioso e surreale «Sausage Party – Vita segreta di una salsiccia».

La famiglia Addams

Gomez, Morticia, Mercoledì, zio Fester
La finalità è quella di far affezionare bambini e ragazzi di oggi a personaggi come Gomez, Morticia, Mercoledì, lo Zio Fester e tutti gli altri membri della sgangherata famiglia.

Su questo versante il film si può dire riuscito, grazie alla classica macabra ironia che contraddistingue il franchise, capace di adattarsi alla contemporaneità e di far divertire tutta la famiglia.

Non mancano sequenze ricche di inventiva, ma la narrazione riserva ben poche sorprese e anche l'apparato visivo non riesce a svettare, sapendo un po' di già visto e risultando suggestivo soltanto in alcuni passaggi.
Resta comunque una visione godibile, adatta per portare al cinema i propri figli nel weekend che segue alla notte di Halloween.

L'età giovane

Tra le novità in sala va segnalato inoltre «L'età giovane» dei fratelli Dardenne, che mette in scena la difficile storia di un ragazzino belga di religione islamica che, dopo aver aderito a un'interpretazione estremista del Corano, tenterà di uccidere la sua insegnante.

L'età giovane

I contenuti proposti sono, come sempre nella filmografia dei Dardenne, interessanti e capaci di far riflettere: il dramma morale del protagonista e soprattutto i diversi modi in cui gli adulti reagiscono al suo comportamento sono trattati in maniera delicata ma decisa, così da lasciare impressi al termine della visione validi spunti su cui ragionare.
Peccato che la narrazione, nonostante la breve durata (circa 85 minuti), non sia particolarmente incisiva e si affievolisca verso la parte finale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...