Foliage e sentieri, vino e castagne: la magia del Törggelen in Valle Isarco

5/6Weekend

Il Sentiero del Vino e i “segreti” di Chiusa

Da Chiusa, che dal 2002 è parte dei “Borghi più belli d'Italia”, parte un altro interessante itinerario, il Sentiero del Vino, uno dei tre percorsi ì enodidattici della Valle Isarco con il Sentiero dei Vigneti di Bressanone e il Sentiero delle Mele. Si tratta di un anello circolare di circa 4 km che attraversa i pendii scoscesi e soleggiati con i vitigni di Silvaner, Müller Thurgau, Kerner, e Riesling nella frazione di Coste (Leitach), raccontando la millenaria storia della viticoltura in Alto Adige con una serie di pannelli illustrativi distribuiti lungo tutto il tragitto.

Prima di tornare in paese è d'obbligo una sosta al maso Hienghof, tipica osteria dove assaggiare le specialità del Törggelen con una splendida vista sulla Valle Isarco, oppure una tappa alla Cantina Cooperativa Valle Isarco, che lavora le uve raccolte fra i 500 e i 900 metri da 130 piccoli produttori locali e propone una vastissima offerta di etichette (soprattutto di vini bianchi) da degustare e acquistare nell'ospitale e curatissimo wine shop aperto sei giorni su sette. Una camminata fra le vie lastricate in pietra e dedicate agli antichi mestieri di Chiusa, scoprendo storia ed aneddoti di questo borgo che anticamente faceva da “dogana” fra i territori (del regno asburgico) giurisdizione dei vescovi di Trento e di Bressanone, è forse l'appendice perfetta di una giornata da concludere in bellezza da Gassl Bräu, locale dove deliziare il palato tra la tradizione della birra alpina prodotta secondo il manuale del “Reinheitsgebot”, la cucina bavarese dei tipici biergarten e le specialità tirolesi fatte in casa.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti