IL SOSTEGNO PER GLI AUTONOMI

Il sito in tilt, le proteste e l’imbarazzo di Tridico: la giornata terribile dell’Inps

Il portale dell’ente di previdenza è stato preso d’assalto fin dalle primissime ore della mattinata dai lavoratori che puntavano a ottenere i 600 euro previsti dal decreto Cura Italia

di Andrea Carli

Gnecchi (Inps): ipotesi accessi scaglionati a sito per bonus 600 euro

Il portale dell’ente di previdenza è stato preso d’assalto fin dalle primissime ore della mattinata dai lavoratori che puntavano a ottenere i 600 euro previsti dal decreto Cura Italia


4' di lettura

Se non era un click day, tale è stato percepito. Migliaia di richieste di lavoratori autonomi travolti dall’emergenza economica scaturita dalle misure restrittive per il coronavirus che si collegano al sito dell’Inps fin dalle primissime ore della mattinata. Ciascuno davanti a un pc, la mano sul mouse pronto a cliccare l’icona giusta per vedersi riconosciuto il bonus da 600 euro previsto dal decreto Cura Italia. In molti, però, non riescono ad accedere al portale. Si scatenano le proteste sulle chat e sui social. Il sistema non regge, “va in down”. Pressione sul presidente dell’ente di previdenza Pasquale Tridico. Poi la decisione di chiudere il sito, e di riaprirlo con orari diversi a seconda che a fare domanda siano patronati/consulenti o cittadini. Infine, l’ultimo tassello sulla giornata terribile dell’Inps: l’ombra di un attacco hacker.

Le rassicurazioni di Tridico
È la cronaca di un sistema informatico per molte ore in stallo nonostante alla vigilia Tridico - dopo aver ventilato nei giorni precedenti l’ipotesi di un click day per accedere a questo sostegno - avesse chiarito che non ci sarebbe stato alcun ordine cronologico nella presentazione delle richieste, che si sarebbe potuto inviare le domande anche nei giorni successivi al primo aprile collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato, e che il pagamento sarebbe cominciato il 15 aprile e proseguito per tutto il mese.

Migliaia di richieste fin dalle primissime ore della giornata
La cronaca racconta però un’altra storia. «Dall’una di notte alle 8.30 circa - spiegava Tridico nelle ore più calde -, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps che stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri».

Cinque milioni di potenziali beneficiari
Una valanga di domande in poche ore, dunque. Del resto, la platea che può accedere al beneficio è di poco più di cinque milioni di persone: commercianti, artigiani e coltivatori diretti, liberi professionisti non iscritti a casse di previdenza obbligatoria, collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori stagionali e dello spettacolo. E tutti si sono mossi come se quello che si è aperto oggi fosse nella sostanza un click day senza prova d’appello, sulla base della logica “o ora o mai più”. Il timore di non riuscire a ottenere il bonus di 600 euro per il mese di marzo è stato più forte delle rassicurazioni promosse dall’istituto alla vigilia. La crisi economica scaturita dalla pandemia ha colpito duro.

Le segnalazioni di chi non è riuscito ad accedere
Il grande ingorgo ha fatto sì che a un certo punto risultasse impossibile accedere al portale. Non solo: l’attività del sito è stata rallentata anche per tutte le altre richieste. Un caos in piena regola, insomma. Migliaia di segnalazioni sono pervenute alla casella di posta elettronica predisposta dal Sole 24 Ore (sito@ilsole24ore.com).

In tilt il sito dell’Inps: ecco cosa vedono gli utenti

Alle 13:30 l’Inps chiude il sito
La situazione è andata peggiorando, tanto che alle 13:30 l’Inps ha dovuto sventolare bandiera bianca e chiudere il sito. «Al fine di consentire una migliore e più efficace canalizzazione delle richieste di servizio - recitava un messaggio messo online in quelle ore - il sito è temporaneamente non disponibile. Si assicura che tutti gli aventi diritto potranno utilmente presentare la domanda per l’ottenimento delle prestazioni». Nelle prime ore del pomeriggio, poi, Tridico ha annunciato che il sito sarebbe stato riaperto con orari differenziati per patronati/ consulenti e per i cittadini.

L’ombra degli hacker
Ma c’è di più. Il sito dell’Inps sarebbe andato in tilt, ha spiegato il presidente dell’Inps, non solo per la valanga di domande pervenute ma anche perché è stato sotto attacco di hacker. «Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi, e anche stamattina, violenti attacchi hacker» ha detto il numero uno dell’ente di previdenza. Alcuni lettori ci hanno segnalato casi in cui è stato possibile accedere a dati sensibili di altri utenti, come indirizzi, numeri di cellulare e altro. «Questo data breach è un fatto gravissimo, siamo preoccupati», ha detto il Garante per la Privacy Antonello Soro, che ha chiesto all’Inps di mettere i «dati in sicurezza». Andrea Orlando del Pd ha chiesto di allertare il Copasir sugli attacchi hacker all’ente di previdena e allo Spallanzani.

Il bilancio: nel primo giorno ricevute 339.000 domande
Il bilancio di questa non facile giornata è, stando ai numeri forniti da Tridico, di 339mila domande ricevute per l’indennità dei lavoratori autonomi che hanno dovuto interrompere la loro attività a causa dell’emergenza coronavirus. Nel frattempo il sito dell’Inps è di nuovo accessibile, ma nessuna delle sezioni per presentare le domande indennità e sostegni funziona. In serata il presidente dell’Inps interviene alla trasmissione Porta a Porta e chiarisce che il sito è stato riaperto nel pomeriggio ma, aggiunge, subisce ancora rallentamenti perché alcune
risorse sono «utilizzate per difendere il sito dagli attacchi». Una giornata non facile.

Per approfondire:
Bonus 600 euro, Tridico: «Segnalati attacchi hacker»
Sito Inps, perché l'ipotesi dell'attacco hacker non convince

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...