Istituto Reuters

«Il Sole-24 Ore» sul podio dell’informazione affidabile

ll Digital news report 2021 dell’Istituto Reuters certifica Il Sole 24 Ore come primo quotidiano. In vetta alla classifica l’agenzia di stampa Ansa e Sky Tg24

Sul tetto di Milano: il back stage del nostro servizio di moda sulla terrazza dell'Urban Cube, nuova sede de Il Sole 24 Ore

2' di lettura

Il Sole 24 Ore sul podio dell’informazione affidabile, come primo dei quotidiani. Il Digital News Report 2021 dell’Istituto Reuters dell’Università di Oxford condotto in 46 Paesi, infatti, certifica che nell’anno della pandemia il quotidiano economico-finanziario si conferma al terzo posto preceduto solo Ansa, in vetta, e Sky Tg24.

L’agenzia di stampa è in vetta anche quest’anno alla classifica quale primo brand italiano di informazione per affidabilità conquistando la fiducia dell’82% degli italiani (l’anno scorso era all’80%). Non solo. Ansa.it è terzo per consultazione tra i siti d’informazione (conquista una posizione rispetto al 2020): il 20% degli italiani lo naviga ogni settimana. Primo Tgcom24, davanti a SkyTg24. Poi Repubblica, Fanpage, Corriere della Sera e Rainews. Quindi Il Fatto e di nuovo Il Sole 24 Ore. Quanto ai telegiornali quelli della Rai sono primi seguiti da Mediaset e SkyTg24.

Loading...
BRAND TRUST SCORES IN ITALIA
Loading...

Più lettori anche sull’online

Sempre secondo il Digital News Report 2021 di Reuters, la pandemia ha dunque aumentato il desiderio di notizie attendibili con alcuni brand che hanno beneficiato in termini di maggiore fiducia, ottenendo pubblico extra significativo anche sull’online.

In generale la fiducia nelle notizie dei lettori è cresciuta in media del 6% ed è arrivata al 44%. Una inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni. «Anche se gli effetti non sono uniformi e potrebbero non durare a fine pandemia - spiega Rasmus Nielsen, direttore del Reuters Institute for the Study of Journalism - sono positivi per gli editori».

Le fonti di informazione

Dal 2013 al 2021, la Tv si conferma stabile (è passata dal 74 al 75%), l’online (compreso i social) scende dall’80 al 76%; i social aumentano dal 27 al 47%, crolla la stampa dal 59% al 18%. Un’altra novità interessante è la crescita di chi paga per le news (il 13%) e l’esplosione dei podcast (il 31% ne ha ascoltati nell'ultimo mese).

La fiducia nei media

Nella classifica, come detto, troviamo con un 82% di fiducia l’Ansa, con il 76% SkyTg24 e con il 74% Il Sole 24 Ore. Si scende poi al 69% per Tg La7 per arrivare al quinto posto, con il 68%, per il secondo quotidiano che è il Corriere della Sera.

Quanto ai valori complessivi di fiducia, tocca quest’anno il 40% (+11% sullo scorso anno) quella complessiva sull’informazione, mentre è del 47% tra chi legge le notizie. Più bassa la fiducia nell’informazione attraverso i motori di ricerca (32%) e i social (20%).


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti