inchiesta guardian

Il telefonino di Jeff Bezos hackerato dal principe saudita Bin Salman. Onu chiede indagine Usa

Il telefonino del proprietario del Washington Post era controllato dai sauditi cinque mesi prima dell’uccisione di Jamal Khashoggi

dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

Jeff Bezos: i sauditi hanno intercettato il mio cellulare

Il telefonino del proprietario del Washington Post era controllato dai sauditi cinque mesi prima dell’uccisione di Jamal Khashoggi


4' di lettura

Jeff Bezos nel 2018 era spiato dagli hacker del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman che studiava le mosse del fondatore di Amazon. La rivelazione, frutto delle indagini degli esperti forensi digitali americani sullo smartphone di Bezos, è stata pubblicata dal Guardian.

Ora sulla vicenda gli esperti dei diritti umani dell’Onu chiedono un’indagine. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, secondo la quale le informazioni ricevute suggeriscono un possibile coinvolgimento del principe nel tentativo di influenzare, se non far tacere, la copertura del Washington Post sull'Arabia Saudita. Gli esperti dell’Onu invitano quindi un’indagine immediata da parte degli Stati Uniti. L’inchiesta dovrebbe includere anche il «continuo, diretto e personale coinvolgimento del principe alla corona nei tentativi di prendere di mira» quelli che percepisce come suoi oppositori.

Il telefonino del proprietario del Washington Post era controllato dai sauditi cinque mesi prima dell'uccisione di Jamal Khasoggi, il giornalista, collaboratore del Post, critico del regime saudita e del principe ereditario Mbs, che fu assassinato e fatto a pezzi all'interno del Consolato saudita a Istanbul, dove era entrato per chiedere un documento, mentre la fidanzata lo aspettava in auto fuori.

Lo smartphone di Bezos sarebbe stato hackerato il primo maggio 2018, dopo un messaggio ricevuto su WhatsApp che apparentemente sembrava inviato dall’account personale del principe ereditario saudita.
Il messaggio ricevuto dal numero di telefono usato da bin Salman conteneva un malware che si è infiltrato nel telefono dell'uomo più ricco del mondo per carpirne i segreti e seguirne le mosse, secondo i risultati dell'analisi degli investigatori digitali. Gli esperti forensi giudicano “altamente probabile” la possibilità che il telefono possa essere stato infettato da un file video inviato dall'account dell'erede al trono saudita.

Gli hacker sauditi hanno avuto accesso a tutti i dati del telefono di Bezos. Dati sensibili capaci di rivelare le mosse del fondatore di Amazon o di prevederle: Mbs in quei mesi cercava di coinvolgere gli investitori occidentali e le grandi società digitali nel suo mastodontico progetto denominato Neom, la creazione della mega smart city saudita 30 volte più estesa di New York. Progetto sospeso dopo l'uccisione di Khashoggi nell'ottobre 2018, e ora ripartito. Omicidio avvenuto cinque mesi dopo l'hackeraggio del telefonino di Bezos.

Altro particolare inquietante di questa vicenda riguarda lo scandalo che colpì Bezos qualche mese dopo: il National Enquirer, a gennaio 2019, rivelò che Bezos aveva una relazione exrra coniugale con l'ex conduttrice televisiva, Lauren Sanchez. Seguirono lo scoop del tabloid altre uscite con la pubblicazione dei selfie di Bezos nudo con il suo sesso in primo piano. Le immagini, secondo la versione diffusa finora, erano state rubate dal fratello della conduttrice televisiva. Ma le investigazioni degli esperti forensi digitali hanno ricostruito tutta un'altra storia: il National Enquirer è di proprietà della società American Media (Ami). Il principe saudita Mbs nei mesi precedenti lo scandalo su Bezos ha sviluppato “una stretta relazione” con David Pecker, il ceo della società editoriale.
Il capo della sicurezza di Bezos, Gavin de Becker, già nel marzo 2019 sul Daily Beast raccontò di investigazioni ufficiali da parte delle autorità giudiziarie americane, senza entrare nei dettagli.
La campagna del Washington Post
Dopo l'uccisione di Khashoggi il Washington Post, il quotidiano di proprietà di Bezos con cui il giornalista collaborava, avviò una feroce campagna proseguita per mesi contro l'assassinio con accuse dirette di responsabilità del principe ereditario Mbs, futuro re dell'Arabia Saudita. La sua immagine di leader illuminato, giovane e moderno ne fu fortemente danneggiata. Una vendetta incrociata?
A dicembre in un processo a porte chiuse i sauditi hanno condannato otto persone per il coinvolgimento nell'uccisione di Khashoggi. Ma i metodi utilizzati sia nell'omicidio del giornalista che nell'hackeraggio dello smartphone di Bezos mettono in luce decisamente un'altra faccia del Regno saudita e del suo principe ereditario.

I guai della Casa Bianca
La possibilità che il telefono di uno dei principali imprenditori americani possa essere stato spiato dai sauditi crea anche qualche problema alla Casa Bianca: Trump e il suo genero Jared Kushner hanno continuato a mantenere strette relazioni con l'amico Mbs dopo l'omicidio Khashoggi, nonostante i moniti dell'intelligence Usa che ritiene altamente probabile che il principe abbia ordinato l'assassinio.
Sia l'Arabia Saudita che la società editoriale Ami hanno negato che il Regno sia coinvolto nella pubblicazione dello scoop contro Bezos. Il legale di Bezos contattato dal Guardian non ha rilasciato commenti ma ha detto che “Bezos ha cooperato con l'inchiesta”.
Come si ricorderà, alle rivelazioni del National Enquirer seguì uno scandalo enorme, fogliettone che ha occupato per settimane le pagine dei giornali rosa, ha avuto pesanti implicazioni di immagine per Bezos e finanziarie per il titolo Amazon.
Il divorzio di Bezos
Le rivelazioni hanno fatto fallire dopo 25 anni il matrimonio con MacKenzie Bezos. La moglie tradita che ha avuto un ruolo cruciale nello sviluppo di Amazon e che possedeva una cospicua quota di azioni della società diventate nel frattempo miliardarie.
Con buona pace degli investitori, la causa di divorzio non è diventata una guerra. I due hanno raggiunto un accordo. Bezos è rimasto il maggiore azionista di Amazon, con il 75% del pacchetto di azioni di controllo della società dopo il divorzio e la maggioranza dei diritti di voto. Il restante 25% del pacchetto di famiglia è rimasto a MacKenzie: equivale al 4% di Amazon, pari a 36 miliardi di dollari. Cifra che ha reso il divorzio il più costoso della storia e ha fatto di Mackenzie una delle donne più ricche al mondo. La numero tre secondo la classifica di Forbes, alle spalle dell'erede di L'Oreal Francoise Bettencourt Meyers e di Alice Walton, la figlia del fondatore di Walmart.
L'accordo ha eliminato i timori di uno scossone al vertice di Amazon: MacKenzie avrebbe infatti potuto chiedere il 50% dei beni comuni, ovvero 80 miliardi di dollari e non lo ha fatto. Gli azionisti di Amazon e lo stesso Bezos hanno tirato un sospiro di sollievo.
Lo scandalo del tabloid tuttavia è costato decisamente caro al patron di Amazon in termini personali ed economici. Le investigazioni delle autorità giudiziarie nel frattempo sono andate avanti e hanno rivelato una vicenda oscura di spionaggio e un intrigo internazionale che neanche il migliore sceneggiatore hollywoodiano avrebbe potuto immaginare.

Altri articoli
Khashoggi: «Ritrovati pezzi del suo corpo» nel consolato. Erdogan: omicidio pianificato
Amazon, Bezos contestato in India: «È un terrorista economico»

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...