INNOVAZIONE

Il telefono lunare è made in Italy

Il terminale smart di Argotec per le comunicazioni sulla Luna finanziato con quattro milioni dalla regione Piemonte

di Luca Orlando

2' di lettura

Una valigetta. Del peso di pochi chili. Per comunicare con la Terra, le future missioni lunari potranno contare su una nuova tecnologia made in Italy, un sistema di comunicazione user-friendly in grado di collegarsi non solo con i centri di controllo ma anche di effettuare chiamate verso casa, alla propria famiglia.

È l’obiettivo di Ermes, il terminale smart in fase di sviluppo da parte di una filiera di aziende italiane guidata dalla torinese Argotec, progetto che ha ottenuto un finanziamento di quattro milioni di euro da parte della regione Piemonte.

Loading...

Da tre anni l'azienda torinese lavora ad Andromeda, costellazione di microsatelliti che fornirà supporto voce, video e dati alle attività scientifiche, tecnologiche e commerciali lunari. Per potenziare questo servizio Argotec sta lavorando anche al primo terminale in grado di collegarsi a questa costellazione. Fornendo così connessione costante ai rover, ai lander e agli uomini che opereranno sulla superficie e in orbita lunare.

«Stiamo già negoziando con aziende statunitensi e giapponesi - spiega il fondatore di Argotec David Avino - per fornire loro questo servizio con una tecnologia innovativa. Lavoriamo al software, all’hardware e alla piattaforma in senso lato, strumento che semplificherà di molto le attività delle prossime missioni: sono già 95 quelle pianificate nei prossimi dieci anni».

Nel 2024 è previsto che i primi satelliti del progetto Andromeda saranno posizionati in orbita lunare mentre in un periodo di 24 mesi sarà sviluppato il nuovo terminale di comunicazione.

Per Argotec, azienda ingegneristica aerospaziale fondata a Torino nel 2008, non si tratta comunque dell’unica commessa. A giorni verrà consegnato ad esempio alla Nasa ArgoMoon, micro satellite che dovrà fornire immagini della prossima missione verso la Luna. Tenendo conto anche della missione Nasa per intercettare un asteroide, Dart, nel 2021 Argotec sarà l'unica azienda al mondo ad avere due satelliti di piccole dimensioni operanti nello spazio profondo.

«Gli ordini già acquisiti - spiega Avino - valgono già quasi l’intero fatturato 2020, sei milioni di euro e nostro massimo di sempre. Ora l’organico è di 65 persone ma contiamo di diventare ancora più grandi entro la fine dell’anno. I nostri spazi di lavoro sono raddoppiati di recente ma credo cazlla luce del lavoro in arrivo serviranno altre aggiunte a breve».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti