ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtitoli di stato

Il Tesoro coglie l’attimo: pronta l’emissione di un BTp a 50 anni

di Morya Longo


Ecco perché lo spread è crollato

2' di lettura

«Carpe diem». Il ministero dell'Economia, ma anche diverse banche e aziende italiane, non intendono lasciarsi sfuggire l'attimo propizio sul mercato obbligazionario. Lunedì sera il Tesoro ha annunciato che incrementerà l'ammontare di un BTp di durata cinquantennale che aveva lanciato sul mercato per la prima volta nel 2016 e che non era mai più riuscito a incrementare dal lontano gennaio 2018. Sfruttando la forte domanda che in questi giorni interessa i titoli di Stato italiani, via XX Settembre ora può farlo: ha così affidato a un gruppo di banche (Citigroup, Deutsche Bank, Goldman e UniCredit) il compito emettere una nuova tranche di questo BTp a lunghissima scadenza.

E, sulla scia dello Stato, anche molte banche e imprese made in Italy stanno approfittando del momento propizio: solo ieri Finecobank ha annunciato l'intenzione di aumentare l'importo di un bond subordinato (AT1) fino a 300 milioni, mentre l'utility lombarda A2A ha emesso un green bond da 400 milioni. Ecco l'effetto del calo dello spread tra BTp e Bund: per Stato, banche e imprese italiane si sta riaprendo la possibilità di raccogliere finanziamenti a tassi convenienti.

Tutto parte dai titoli di Stato. Nelle ultime settimane i rendimenti dei BTp sono drasticamente calati: i decennali erano costretti a offrire un tasso d'interesse del 2,74% solo il 31 maggio scorso. Poi due notizie hanno ridato loro appeal: da un lato la Bce ha di fatto fatto capire che presto potrebbe arrivare un nuovo quantitative easing (un programma di acquisto di titoli di Stato europei), dall'altro il Governo italiano è riuscito a evitare la procedura d'infrazione dell'Unione europea. Così titoli di Stato italiani, che hanno rendimenti ben più elevati di tutti gli altri in Europa tranne quelli greci, sono diventati improvvisamente appetibili.

Questo ha fatto salire i loro prezzi e scendere i rendimenti: il 4 luglio in giornata i BTp decennali hanno infatti raggiunto un minimo di 1,57% (oltre un punto percentuale in meno rispetto al 31 maggio), mentre ieri hanno chiuso a 1,78% con uno spread sui Bund a 215 punti base. Bene inteso: l'Italia resta tutt'ora lontana dai rendimenti pagati da Spagna (0,44% sul decennale), Portogallo (0,50%) e Irlanda (0,12%). Inoltre le tensioni, in vista della manovra d'autunno, potrebbero tornare.

SCOPRI DI PIÙ / Grecia, maxi-rally sui mercati dopo il voto

Ma ora, almeno, sul mercato il Paese vive in uno stato di grazia. Che il Tesoro non vuole sprecare. Così lunedì ha annunciato la riapertura del BTp a 50 anni: attualmente il titolo ha un importo di 6,6 miliardi già sul mercato, ma - data la domanda che le banche stanno registrando anche dall'estero - l'ammontare potrebbe essere aumentato anche più di 2 miliardi. Con un rendimento che ieri era tornato in linea con quello dell'emissione del 2016, poco sopra al 2,80%. Questo consentirà al Tesoro, insieme ai BTp a 3 e 7 anni che saranno emessi l'11 luglio, di mettere ulteriore fieno in cascina per l'anno: attualmente ha già raggiunto circa il 60% delle emissioni di titoli di Stato a medio-lungo termine previste per l'intero 2019.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti