Sport & tech

Il Tour de France diventa «digital twin»: il ciclismo sempre più digitale

Uno «stadio connesso» per coinvolgere ancora di più i fan, ma anche per attrarre nuovi investimenti

di Marco Trabucchi

3' di lettura

La pandemia ha accelerato i processi di innovazione digitale e il mondo dello sport non fa eccezione, grazie a piattaforme in grado di offrire esperienze visuali sempre più coinvolgenti. Anche dal punto di vista informativo, grazie a meta data e analytics in grado di offrire innovativi punti di vista sulle prestazioni sportive.

Lo scopo è duplice: da un lato innovare il modo di vivere le gare sportive per continuare a coinvolgere i fan e al contempo attrarre nuovi investitori interessati all'innovazione.

Loading...

Un esempio che rappresenta al meglio questi cambiamenti è stato prima il Giro d'Italia con le sue preview di percorso virtuali e il live tracking, e oggi con il partner tecnologico del Tour de France, NTT, che si è spinto oltre creando lo “stadio connesso” più grande al mondo grazie alla collaborazione con Amaury Sport Organisation.

Un'architettura complessa in grado di raccogliere costantemente milioni di dati per offrire ai fan un'esperienza ancora più coinvolgente e ricca. In pratica un “digital twin”, gemello digitale del Tour in grado di fornire un'esperienza utile a conoscere i retroscena della Gran Boucle, le soluzioni tecnologiche, gli approfondimenti e i dati che consentono agli appassionati di aumentare l'esperienza del Tour grazie a tante innovazioni.

Anzitutto “Race Center”, il tracciamento in tempo reale della corsa, compresa la telemetria dei ciclisti, sul sito ufficiale letour.fr e l'applicazione ufficiale Tour de France Mobile; “LeTourData” che offre approfondimenti data-driven e mostra le previsioni AI sugli account Twitter e Instagram, oltre alla diretta in TV; “3D Tracker”, un'app immersiva di realtà aumentata che fornisce una visione 3D delle diverse fasi della gara; il “Tour de France Fantasy by Tissot”, il gioco di fantasport che integra i data insight e il machine learning (NTT predictor) per fornire insight sui corridori e infine il “NTT Media Wall”, un display multimediale situato nelle città e nei paesi che ospitano le tappe del Tour che permette di vedere statistiche e le visualizzazioni provenienti da LeTourData, oltre agli aggiornamenti di gara live.

Con server fisici e virtuali, container e persino funzioni serveless, l'architettura cloud messa in piedi da NTT per il Tour de France è imponente, considerando poi il carattere itinerante della manifestazione. Per elaborare questa enorme quantità di dati NTT si avvale di una gamma di sensori disparati, IoT, edge computing e network, integrati all'interno delle proprie piattaforme smart e mappati con un modello di geolocalizzazione specifico per ogni tappa.

Questo permette di monitorare tutti gli aspetti della gara, compresa l'affluenza del pubblico. Ma anche aggiornando in tempo reale il tempo di arrivo previsto per far sì che il Tour si svolga in sicurezza.

La creazione di un gemello digitale della corsa non è iniziata oggi, come spiega Peter Gray, Senior Vice President, Advanced Technology Group, Sport di NTT Ltd, «la digitalizzazione del Tour de France è iniziata nel 2015 con la raccolta di dati dalle bici dei ciclisti per fornire aggiornamenti in tempo reale. Ogni anno siamo stati in grado di portare la tecnologia a un livello superiore, fino alle novità introdotte quest'anno con la creazione di un digital twin dell'evento. Il Tour è un ambiente altamente dinamico e mutevole che richiede l'accesso immediato alle informazioni per garantire operazioni continue e fluide, con il risultato di fan più informati e coinvolti».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti