GRANDI GARE

Il Trofeo A112 Abarth chiude al Costa Smeralda nel segno di Scalabrin-Paganoni

Il rally Costa Smeralda storico valido per il Trofeo A112 Abarth vede la vittoria, la quinta, per Scalabrin-Paganoni. Secondi Armellini-Comunello e, a chiudere il podio, Cazziolato-Nolfi


default onloading pic

2' di lettura

Nove prove speciali e un equipaggio imprendibile. Il Rally Costa Smeralda storico, ultima gara della decima edizione del Trofeo A112 Abarth, ha visto il dominio di Scalabrin-Paganoni che si sono aggiudicati tutte e nove le prove speciali disputate. Seconda posizi one per la prestazione di livello di Armellini-Comunello e, a chiudere il podio, un entusiasmante equipaggio composto da Cazziolato-Nolfi.

Rally Costa Smeralda storico: com'è andata la gara
Ad avere la meglio sono stati i giovani Raffaele Scalabrin e Giulia Paganoni che con la “scatoletta” dello Scorpione hanno fatto registrare tempi molto interessanti anche sulla classifica assoluta dello storico. Infatti, il duo ha chiuso con vittoria della speciale classifica del trofeo e ottavi assoluti a soli 5 decimi dal settimo.

Ma questa gara era davvero importante per Domenighini-Torricelli che potevano scavalcare posizioni in campionato. Purtroppo però un'uscita di strada ha fermato la loro corsa costringendoli al ritiro e mantenendo quindi la quarta posizione in campionato.

Ad avere costanza sono stati Matteo Armellini e Marco Comunello che hanno chiudo secondi nel trofeo e decimi assoluti. Terzo gradino del podio per Giuseppe Cazziolato che a Porto Cervo ha colto il suo primo podio assoluto in coppia con Giancarlo Nolfi. Dietro di loro, i locali Nicolino Catgiu che si è rifatto della delusione del Lana dello scorso giugno, mantenendo la promessa di portare al traguardo il navigatore Matteo Grosso. Quinto posto per Maurizio Ribaldone e Guido Zanone che conquistano i punti necessari per vincere la classifica finale del “Gruppo 1”.

A chiudere la sequenza dei classificati, i locali Gabriele Ruzittu e Pasqua Pirina alla loro gara d'esordio nel Trofeo.

Gara partita male per Denis Letey ed Erik Robbin che nono sono riusciti a disputare neanche un prova speciale a causa di un guasto meccanico. Altro ritiro è stato quello di Nardi-Costa che sono usciti di strada, per fortuna senza conseguenze per l'equipaggio. Non hanno visto la pedana d'arrivo a Porto Cervo neanche Marco Gentile con Jenny Maddalozzo anche loro a causa di un gusto meccanico.

Una Sardegna tra natura e adrenalina
Una location davvero suggestiva con paesaggi unici e prove speciali dalla morfologia davvero inedita sulla quale i dieci equipaggi del Trofeo A112 Abarth hanno dato spettacolo. Sono state nove le prove speciali che si sono disputate tutte, di cui due in notturna. Il percorso, davvero notevole, prevedeva oltre 400 km tra prove e trasferimenti. Partenza dal Molo Vecchio di Porto Cervo per poi passare da Arzachena, Palau, Aglientu e Tempio Pausania. Un percorso che ha unito le bellezza naturalistiche del territorio con la passione per il motorsport. Tanto è stato infatti l'entusiasmo lungo le prove speciali e sui trasferimenti, dove numerosi appassionati si sono posizionati per catturare l'attimo del passaggio delle “storiche”.

Classifica finale e premiazioni a Padova
La classifica della decima edizione del Trofeo A112 Abarth vede la vittoria di Raffaele Scalabrin e Giulia Paganoni con 92 punti, seguiti da Nicola Cazzaro e Giovanni Brunaporto con 45 punti. A chiudere il podio, Filippo Fiora e Massimo Soffritti con 40 punti.

La premiazione si svolgerà sabato 26 ottobre alle ore 17.00 presso lo stand Automobile Club d'Italia Aci Storico della Mostra Auto Moto d'Epoca di Padova.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...