Vinitaly, l’Italia e il mondo del vino

verso il vinitaly

Il vino italiano fattura 11 miliardi Italia primo produttore mondiale

di Micaela Cappellini


default onloading pic
(Agf)

2' di lettura


Vale 11 miliardi di euro il settore del vino, conta 2mila imprese industriali e con 50,4 milioni di ettolitri l’Italia si conferma per il quarto anno consecutivo il primo produttore mondiale. Sono i numeri dell’edizione 2019 dell’Industry Book di Unicredit, dedicato al comparto che da domenica animerà a Verona la 53esima edizi0ne del Vinitaly.
Nel suo complesso, la produzione 2018 è stata abbondante, il 10,5% in più rispetto all’anno scorso, e ha assicurato al nostro Paese una fetta del 17% di tutto il vino prodottto nel mondo. In particolare è aumentata la produzione di vino Dop: +21,7% rispetto al 2017, con i rossi che sono cresciuti del 23,4% e i bianchi del 20,5%. Con 523 prodotti certificati, l'Italia detiene inoltre il primato mondiale dei vinici certificati IG (cioè Dop e Igp), con la Francia soltanto seconda a quota 435.

Sul fronte delle esportazioni, l'Italia detiene una quota del 19,8% del totale mondiale, con 6,2 miliardi di euro incassati nel 2018. Gli Usa rimangono il primo mercato di sbocco, seguiti da Germania e Regno Unito. Questi 3 mercati insieme assorbono più della metà dell'export italiano globale. Nel 2020, i mercati
più interessanti per l'export italiano di vini fermi saranno la Cina, dove sono previste volumi di vendite in aumento dell'11,9%, il Canada (+6,5%) e e il Giappone (+4,2%); mentre per gli spumanti le destinazioni principali saranno Canada (+18,4%), Usa (+14,6%)e Cina (+12,2%).

L'analisi UniCredit - che ha mappato i bilanci depositati degli ultimi cinque anni di un campione di 685 imprese produttrici di vino - conferma le buone performance finanziarie del settore, con una crescita del fatturato a un tasso medio annuo del 3,9%. Nel quinquennio, i margini del settore sono aumentati a un tasso medio annuo del 5,8%.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti