senza extracosti per lo stato

Ilva, i commissari: decisioni slittano al 15 settembre. Di Maio: «Bene»

(23771)

1' di lettura

In un documento, i commissari dell’Ilva - Enrico Laghi, Piero Gnudi e Corrado Carrubba - stabiliscono una proroga al 15 settembre delle decisioni sul futuro dello stabilimento. Un rinvio dettato dall’opportunità di un ulteriore spazio di confronto, è il senso del documento, di cui il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha preso atto.
«Unitamente alla valutata opportunità di rendere ulteriormente disponibile uno spazio di confronto al servizio del raggiungimento dell’accordo sindacale le società concedenti con la presente, comunicano la volontà di avvalersi come in
effetti si avvalgono del diritto ad esse riservato dall’art.27.4 del contratto di prorogare il termine del 30 giugno 2018 ivi previsto sino al 15 settembre 2018», si legge nel passaggio del documento sulla proroga.

Di Maio, bene slittamento senza costi per lo Stato
«Mi compiaccio della responsabilità espressa dai commissari dell’Ilva e prendo atto della loro volontà di avvalersi della proroga siglata nel contratto che porta al 15 settembre 2018 ogni scadenza senza ulteriori costi economici per lo Stato». Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, in un comunicato. Come ministro sto valutando ogni possibile impatto legato alle decisioni che dovrò prendere. Impatto in termini ambientali, sociali, economici e occupazionali. Per questo stiamo esaminando le oltre 23mila pagine che ci sono state consegnate. Ogni decisione sarà presa con responsabilità, non dimenticando che il MoVimento 5 Stelle ha raggiunto a Taranto risultati straordinari con circa il 50% delle preferenze, risultati che intende onorare. I tarantini hanno il diritto di tornare a respirare, noi abbiamo il dovere di esaminare ogni pagina con la massima attenzione».

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti