LA SCHEDA

Impeachment: leggi, regole e iter che governano un processo al Presidente

La procedura di impeachment negli Stati Uniti, annunciata dalla leadership democratica della Camera americana contro Donald Trump, non è un passo facile. Ecco un “breviario” dei meccanismi e dell'iter di quello che è un vero e proprio processo ospitato nelle aule del Congresso

di Marco Valsania

Biden attacca Trump sul caso Ucraina

La procedura di impeachment negli Stati Uniti, annunciata dalla leadership democratica della Camera americana contro Donald Trump, non è un passo facile. Ecco un “breviario” dei meccanismi e dell'iter di quello che è un vero e proprio processo ospitato nelle aule del Congresso


4' di lettura

La procedura di impeachment negli Stati Uniti, annunciata dalla leadership democratica della Camera americana contro Donald Trump, non è un passo facile. Ecco un “breviario” dei meccanismi e dell'iter di quello che è un vero e proprio processo ospitato nelle aule del Congresso. Con una incriminazione decisa o meno in seno alla Camera. E un imputato che sale poi alla sbarra al Senato per un dibattimento e una sentenza di colpevolezza e rimozione dalla carica - o di assoluzione e conferma dello status quo. Segno di quanto si tratti sempre di una scelta storica, straordinaria, controversa e polarizzante, nessun Presidente americano è mai stato in realta' rimosso attraverso l'impeachment.

Le accuse
Gerald Ford, ex vicepresidente di Richard Nixon, ne ha spiegato la natura incerta con piu' chiarezza di altri. Parlando delle accuse che comportano un impeachment, le aveva descritte così: «L'unica riposta onesta è che un atto che richiede l'impeachment è tutto ciò che la Camera dei Deputati considera lo sia in un particolare momento storico; una condanna risulta da qualunque atto che due terzi del Senato considerano sufficientemente serio da richiedere la rimozione dell'accusato dalla posizione». La Costituzione prevede che le ragioni siano “tradimento, corruzione” o cio' che ricada entro la definizione di “high crimes and misdemeanor” (Articolo 1, sezione 4) - vale a dire crimini seri e infrazioni.

LEGGI ANCHE/Scandalo Ucraina, al via l’inchiesta su Trump

È un ambito ambiguo e derivato dalla tradizione giuridica britannica, che non dipende tanto da criteri legali ma viene lasciato alla discrezione e interpretazione dei parlamentari e si riferisce anzitutto a forme di abuso di potere. Alexander Hamilton nel 1788, nei giorni della ratifica della Costituzione, parlo' generalmente di «violazione della fiducia dei cittadini». La Costituzione prescrive anche che all'impeachment possano essere soggetti «il Presidente, il vicepresidente e e tutti i funzionari civili degli Stati Uniti». Normalmente le categorie di violazioni che vengono considerate sono tre: espliciti abusi di potere; comportamenti incompatibili con la carica; uso improprio dell'incarico a cominciare da un guadagno e vantaggio personale. Tutte queste categorie potrebbero essere utilizzate per perseguire Trump.

La Camera
L'Articolo 1 della Costituzione statunitense conferisce alla Camera dei deputati il solo potere di far scattare l'impeachment (Sezione 2). Qui viene condotta l'inchiesta: abitualmente - ma non necessariamente - viene organizzato un voto iniziale per farla scattare. Questa volta i democratici l'hanno evitato e lo Speaker Nancy Pelosi ha istruito direttamente le sei Commissioni coinvolte a lavorare assieme nelle indagini.

GUARDA IL VIDEO/Biden accusa Trump sul caso Ucraina

Né la durata né l'ampiezza delle indagini, che tradizionalmente comprendono l'acquisizione di materiale e audizioni, è prescritta; potrebbe anche essere relativamente veloce, visto che da tempo i democratici stanno ormai scavando nei comportamenti di Trump. Al termine, se ritenuto necessario, vengono redatti i cosiddetti Articoli di impeachment, equivalenti ad accuse di reati. Questi vengono in seguito sottoposti al voto, prima della Commissione Giustizia e poi dell'intera Camera. Possono essere approvati - facendo scattare l'equivalente di una incriminazione - a maggioranza semplice dei presenti, trasformando nei fatti la Camera in un Grand Jury.

Il Senato
Il compito del Senato è quello di orchestrare il processo vero e proprio di funzionari del governo federale (Articolo 1, Sezione 3). Il Senato, a maggioranza repubblicana, potrebbe pero' anche teoricamente decidere di chiudere rapidamente il caso senza ascoltarlo. Nel caso l'incriminazione di un Presidente porti al processo, a presiederlo è il Chief Justice della Corte Suprema. Per un “imputato” Trump sarebbe quindi John Roberts, un conservatore che ha mostrato una relativa indipendenza dall'agenda della Casa Bianca. Lo svolgimento del processo, dalle date alla durata delle arringhe e alle deposizioni di testimoni e esperti, viene poi deciso attraverso una risoluzione votata dai senatori.

Il ruolo della pubblica accusa viene ricoperto dai cosiddetti “manager” della Camera, scelti dai deputati spesso attraverso una mozione o una delega allo Speaker per nominarli (a volte sono esponenti della Commissione Giustizia). Il Presidente ha i suoi avvocati difensori. Un giudizio di colpevolezza - senza appello - o una assoluzione emergono da una “giuria” composta da tutti e cento i senatori. La condanna richiede una maggioranza qualificata di due terzi e si traduce nella rimozione dalla carica.

I precedenti
Nessun Presidente, come ricordato, è stato rimosso con l'impeachment nella storia americana. Tre Presidenti però ci sono andati vicino. Due di loro, Andrew Johnson nel 1868 e Bill Clinton nel 1999, furono processati ma poi assolti dal Senato. Jackson fu accusato in undici articoli di impeachment di aver violato la legge nel rimuovere e sostituire il suo Segretario alla Guerra e rivale politico Edwin Stanton. Clinton fu accusato formalmente con due articoli di impeachment, falsa testimonianza sotto giuramento e ostruzione della giustizia, scaturiti da una denuncia per molestie sessuali sporta contro Clinton dall'ex dipendente statale dell'Arkansas Paula Jones. Richard Nixon si dimise invece nel 1974 prima di qualunque procedimento, conscio dell'inevitabilita' di una condanna per lo scandalo Watergate ai danni degli avversari democratici durante la sua campagna per la rielezione di due anni prima.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti