I CASI RISOLTI

Impianto autonomo


1' di lettura

Nello stabile in cui abito sono state installate le termovalvole e ripartitori di calore, ma la quota variabile dovuta al consumo involontario è a mio parere troppo elevata. Ho deciso quindi di distaccarmi dall'impianto centralizzato e installare una caldaia autonoma. Come si procede? È ancora conveniente una scelta di questo tipo?

Per poter rispondere al quesito occorrerebbe l'esame della fattispecie in concreto. Certo è che il novellato articolo 1118, comma 4, del Cc dispone che «il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condòmini. In tal caso, il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma». La giurisprudenza ha puntualizzato che chi si distacca è tenuto al pagamento della quota fissa. Per tali motivi, distaccarsi dall'impianto centralizzato potrebbe risultare difficoltoso (rispetto al non «creare aggravi di spese») e non più conveniente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...