ecotassa

Impossibile calcolare l’importo per l’usato

Coordinamento difettoso tra le norme sul passaggio all’omologazione Wltp

di Maurizio Caprino

default onloading pic
(Adobe Stock)

Coordinamento difettoso tra le norme sul passaggio all’omologazione Wltp


1' di lettura

Il passaggio al ciclo di prova Wltp incide anche sulla quantificazione dell’ecotassa e lascia dubbi sul caso delle vetture usate provenienti dall’estero che vengono immatricolate in Italia. In base al comma 1043 della legge di Bilancio 2019 (la 145/2018), l’imposta, che colpisce le immatricolazioni delle auto con emissioni di CO2 superiori a una certa soglia, si applica anche alle importazioni di usato. La legge di Bilancio 2021 (la 178/2020), per tenere conto del passaggio al Wltp che comporta valori più alti, ha anche alzato da 160 a 190 i g/km di CO2 oltre cui scatta l’ecotassa. Ma il coordinamento delle due norme appare difettoso: il comma 1046-bis introdotto nella legge 145/2018 ha senso solo per le auto nuove di fabbrica.

Infatti, questo comma stabilisce che dal 1° gennaio 2021 l’ecotassa si applica in base ai valori Wltp e che ai soli fini degli incentivi per i primi sei mesi si tiene conto dei vecchi valori Nedc. Che sono quelli riportati anche sulla maggior parte dei documenti dell’usato proveniente dall’estero, ma per come è formulato il comma 1046-bis non appaiono utilizzabili anche ai fini dell’ecotassa.

Loading...

Nessun correttivo è al momento presente negli emendamenti al decreto milleproroghe. E resta irrisolto anche il caso non raro delle auto sui cui documenti i valori di CO2 mancano del tutto: come fa l’utente normale a capire se l’ecotassa è dovuta? E chi controlla?

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti