ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùturismo

Imposta di soggiorno: accelera la corsa, Capodanno vale 4 milioni su 622 totali

Incassati quest’anno 622 milioni (+13,7%) - Cresce il numero delle amministrazioni che introducono il balzello e dei Comuni che aumentano le aliquote

di Vincenzo Chierchia


default onloading pic
(ANSA)

3' di lettura

Turismo miniera d’oro per gli enti locali. Nel 2019 record di amministrazioni comunali - 72 secondo le stime dell’Osservatorio Jfc - che hanno introdotto l'imposta di soggiorno: dai primi mesi dell'anno si paga - in particolare - a Sassari, Manfredonia, Varallo, Lavagna, Bordighera, Valle Maia (13 Comuni), Imperia, Nizza Monferrato, Brescia, Pitigliano, Mandello del Lario, Alassio, Diano Marina, Porto Venere, Terme Vigliatore, Palau, Anzio, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Castelbuono.
Durante l'estate l'imposta è stata introdotta anche a Alba
Adriatica, Sanremo, Arzachena, Porto Sant'Elpidio, Tortoreto,
Sant'Agata di Militello, Roseto degli Abruzzi, Ospedaletti, San
Mauro Cilento, Vodo di Cadore, Cascia, Palmi, Oristano, Cabras,
San Felice Circeo, Pontremoli, Alassio, Riposto, Centro Valle
Intelvi, Martina Franca, Formia, Castel Gandolfo, Taggia, Comuni
Alta Val Camonica (6 Comuni), Ospedaletti, Bracciano, Lotzorai,
Parrano.

I nuovi rincari

Numerose poi le amministrazioni che hanno incrementato le aliquote: in evidenza Bologna, Venezia, Bolzano, Rimini, Napoli,
Tivoli, Piano di Sorrento, Salerno, Spoleto, Vasto, Verona,
Castellamare, Sant'Agnello, Santa Teresa di Gallura, Viterbo,
Catania, Como, Toscolano Maderno, Rieti, Melfi, Modica,
Villasimius, Gatteo Mare, Riomaggiore, Orbetello, Mattinata,
Viareggio, Provincia autonoma di Bolzano. Nel 2019 sono state ben 318 le amministrazioni comunali che hanno apportato modifiche al regolamento, con l'intento primario di incrementare gli incassi derivanti dall'imposta di soggiorno.
«Nel 2019 - afferma Massimo Feruzzi, ad Jfc - i dati reali di incasso hanno palesemente superato le previsioni di inizio anno, raggiungendo quota 622 milioni, con un incremento del +13,7% rispetto agli incassi dell'anno scorso, quando ci si assestò a quota 538milioni. Sono 1.069 i Comuni che - ad oggi - hanno attivato l'imposta di soggiorno».

Per il 2020 vi sono nuimerosi Comuni che hanno già approvato l'introduzione dell'Imposta di soggiorno: dal 1 gennaio 2020 si pagherà a
Ladispoli, Forza d'Agrò, Maranzana, Cremona, Laigueglia e Frascati. In fase di approvazione/valutazione a Cagliari, Vibo Valentia e Bari.

La mappa degli aumenti

A Castagneto Carducci aumenteranno non solo le tariffe (con
incrementi variabili tra 50 centesimi ed 1 euro), ma anche il
periodo di applicazione, che si amplia di ulteriori due mesi (dal 15
aprile al 15 ottobre). Santa Margherita Ligure allinea le tariffe a quelle di Portofino con un incremento medio di 1 euro. A Firenze, dal 2020, pagheranno di più coloro che decidono di soggiornare in una struttura di Aribnb, chi dormirà in hotel 3 stelle o in strutture extra-alberghiere. A Como è stata eliminata la tariffa di bassa stagione con parificazione pertanto per l'intero anno, oltre alla possibilità per l'ente locale
di stipulare convenzioni con portali di sharing. A Lignano Sabbiadoro l’obiettivo di incasso passa da 1,5 a 2 milioni di euro. Cattolica: incrementi per diverse tipologie di strutture ricettive, in maniera variabile. Gallipoli: aumenti solo per le strutture 4 e 5 stelle, con un incremento di 50 centesimi. A Pesaro si pagherà di più nelle strutture da 2 a 5 stelle, con
incrementi variabili tra 50 centesimi e 1,5 euro. A Capaccio Paestum l'incremento varia tra i 60 centesimi ed 1 euro, nelle strutture ricettive. Desenzano incrementa le tariffe delle strutture da 2 a 4 stelle, con rincari variabili tra i 50 ed i 60 centesimi. Significativo l'incremento a Livorno: aumenti variabili tra il 50% ed il 100% (da 50 centesimi a 1,5 euro).

Capodanno

La notte di Capodanno garantirà alle casse comunali incassi soddisfacenti. «L'indice di occupazione delle camere nelle strutture ricettive
alberghiere ed extra-alberghiere si assesterà, nella notte di Capodanno, su una media nazionale del 78,4%» commenta Feruzzi. Le località montane
sfioreranno il sold out. «Per quanto riguarda gli introiti derivanti dall'imposta di soggiorno - aggiunge - a Capodanno si prevede un incasso, a livello nazionale, di circa 4 milioni di euro». Roma - secondo Jfc - è la città che effettuerà i maggiori incassi con circa 920mila euro nella sola notte di San Silvestro. Bene anche Firenze (271mila euro), Milano (252mila) e Venezia (232mila).

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...