Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 aprile 2012 alle ore 17:12.

My24
ImagoeconomicaImagoeconomica

Fiat mantiene lo stabilimento Maserati a Modena con le nuove auto della gamma H. Il Tridente resterà a Modena. Maserati continuerà a produrre auto di alta gamma anche in futuro. Lo hanno assicurato i vertici aziendali ai sindacati durante l'incontro in azienda. "L'incontro é andato bene. Gli investimenti sono stati decisi.

L'azienda ha spiegato che nei prossimi due anni verranno prodotti tre nuovi modelli" fa sapere Alberto Zanetti della Uilm-Uil di Modena. Uno di questi nuovi modelli, che fa parte del segmento H, di altissima gamma, visto che avrà l'abitacolo in fibra di carbonio e il telaio in alluminio, oltre che un motore di derivazione Ferrari, sarà prodotto proprio nello stabilimento di Modena, "con un volume di produzione che dovrebbe essere addirittura superiore a quello attuale". Questo nuovo modello dovrebbe essere interamente "made in Modena", dalla fase di ricerca e progettazione fino al montaggio.

Verrà contestualmente dismessa, o comunque ridotta, la produzione dell'attuale Quattroporte che dal 2002 viene realizzata nello stabilimento Maserati di Modena. La nuova Quattroporte verrà invece prodotta a Grugliasco (TO), acquisito da Fiat due anni fa e per il quale sono in corso investimenti che raggiungeranno a fine piano I 500 milioni di euro. In generale, a Modena resterà, comunque, la "mente pensante" tridente, qui resteranno, infatti, sia il reparto ricerca che sviluppo. Inoltre sempre a Modena resterà la produzione delle vetture GranTurismo e GranCabrio, alle quali si aggiungerà, a partire dal maggio 2013, un nuovo modello Alfa Romeo con volumi stimati a regime fino a un massimo di 2500 unità all'anno.

Grazie, poi, alla presenza in 65 mercati di tutto il mondo e alla nuova generazione di modelli che si inseriranno in settori ad alti volumi di vendita, Maserati prevede di aumentare la produzione fino a toccare nel 2015 le 50 mila unità all'anno. "Siamo soddisfatti, tutto questo ci rasserena. Ora finalmente abbiamo la conferma che l'azienda intende restare a Modena", conclude Zanetti. All'incontro di oggi non ha partecipato la Fiom-Cgil, perchè dal 1 gennaio 2012 é stata esclusa dal Gruppo Fiat in quanto non ha firmato contratto nazionale di lavoro. (C.Ca.)

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi