Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 febbraio 2014 alle ore 15:30.

My24

Come tutte le esperienze più innovative, anche i «Ted» (Technology Entertainment Design) sono nati in California e ora, a trent'anni dal loro esordio, si stanno affermando anche da noi. Si tratta di conferenze dedicate alla condivisione di idee «degne di essere condivise» e tali sono certamente quelle che il secondo «TedxIed» organizzato a Milano ha dedicato a un tema più che mai attuale: «Giovani. Italiani. Lavorano».

Protagonisti otto ragazzi (ed ex ragazzi) che, soprattutto nell'ambito creativo, «ce l'hanno fatta», a dimostrazione che «c'è un'Italia che si muove, agisce ed è protagonista del cambiamento», come ha detto Alessandro Rimassa, direttore di Ied Management Lab Milano, uno degli organizzatori dell'evento. Sono storie di giovani che hanno avuto successo, mettendo in piedi una propria piccola impresa, oppure all'interno di aziende già consolidate. Tutti, comunque, trovando nello sguardo al futuro, nella scommessa sull'inedito, la chiave per affermarsi e per farlo rimandendo in Italia. Accanto a loro, otto esperti del mondo del lavoro, come i professori Tito Boeri, Alessandro Rosina, Michele Tiraboschi, il presidente di Confindustria Giovani Piemonte Marco Gay o l'animatrice del primo evento italiano sulla sharing economy (Sharitaly), Marta Maineri.

Le storie sono quelle di Benedetta Bruzziches, 27enne di Caprarola, in provincia di Viterbo, che dopo anni di studio e lavoro a Roma e Milano, in India, Cina e Brasile, ha scelto di tornare a Viterbo per dare vita a un marchio di borse che porta il suo nome, e che oggi vende in tutto il mondo. O quella di Alessandro Bulgarini, ideatore nel 2013 della nuova macchina Lavazza Compact. Nato a Bologna 36 anni fa, Alessandro ha studiato design industriale proprio allo Ied di Milano e, dopo anni di esperienze in diverse aziende della luce, oggi è chief designer di Imper, marchi di piccoli elettrodomestici. Federica Moretti (fotografa) e Salvatore Giunta (graphic designer) hanno fondato il collettivo di progettisti Studiomorinn. Anche Silvia Basani e Serafina Aiello lavorano in tandem e, diplomate entrambe in fashion communication, hanno fondato Justo, blog e agenzia di comunicazione dedicata alla promozione di prodotti moda «sostenibili». Nell'ambito creativo si forma anche Sandro Gonnella, designer di professione che dopo anni all'estero nel 2006 fonda il marchio di montature sartoriali per occhiali Ozona, reinventandosi così come imprenditore. Imprenditrice è Maria Letizia Gardoni, 25enne presidente di Coldiretti Giovani Impresa Marche e titolare di un'azienda agricola che produce ortofutta con tecniche naturali e fornisce i Punti macrobiotici della regione. Annalisa Monfreda è invece una giornalista che, a soli 35 anni, è già direttore di un settimanale importante, «Donna Moderna». Matteo Sarzana, infine, è un manager e coordina le attività digital del gruppo Young&Rubicam Italia. Ma trova il tempo anche di insegnare allo Ied, inventare app (Avionerd, dedicata ai frequent flyers) e progetti non profit come Mappledinworld.

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi