Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 maggio 2014 alle ore 15:14.

My24

Ieri TNT Post, oggi Nexive. Cambia nome e identità il primo operatore postale privato sul territorio italiano. L'azienda, 5.500 addetti e una quota di mercato nel settore postale del 12,6%, raggiunge ogni giorno il 74% delle famiglie italiane attraverso oltre 500 milioni di buste movimentate. Fa parte del gruppo olandese PostNL, che nel 2013 ha registrato un fatturato globale di 4,307 miliardi di euro.

Con sede principale a Milano, Nexive nasce come TNT Post nel 1998 in seguito a successive acquisizioni di agenzie private di recapito e altre società di produzione e servizi del settore, tra cui lo storico marchio milanese Rinaldi L'Espresso. Ora TNT Post diventa Nexive: un cambio di nome che esprime la volontà di essere la piattaforma per eccellenza nel recapito della posta e dell'e-commerce.

L'evoluzione
«Nexive segna un cambiamento di passo – spiega l'amministratore delegato Luca Palermo -. Il passaggio al nuovo nome ha un importante valore strategico: significa connessione, modernità e futuro. Diventare Nexive per noi significa rafforzare il nostro essere la piattaforma per eccellenza nel recapito della posta e dell'ecommerce e questo lo facciamo e lo faremo attraverso soluzioni intelligenti, innovative e semplici per creare luoghi fisici e digitali di connessione fra aziende e consumatori e tra pubbliche amministrazioni e cittadini». Una delle strade innovative imboccate è quella dell'ecommerce: in un anno sono stati gestiti via ecommerce 160mila pacchi con il Sistema Completo, formula che assicura alle aziende (se ne sono serviti circa 400 clienti) una consegna sicura in tutta Italia.

Il network
Nexive resta un modello cooperativo di impresa fatto di una rete di partner che presidiano il territorio e ascoltano le esigenze delle realtà locali; 12 bacini regionali, 12 centri di smistamento e 600 filiali dirette e indirette sul territorio. "Il viaggio verso Nexive è iniziato a marzo scorso – afferma Valentina Pavan, responsabile Corporate Communication Nexive – quando sono partite le prime buste a doppio logo. Il punto di arrivo è stato il 19 maggio, il giorno dello switch off, quando oltre 2.300 insegne e vetrofanie, le divise di 4mila postini e 2mila veicoli sono diventate Nexive. In contemporanea è partita una campagna pubblicitaria da oltre 10 milioni di investimento lordo, un grande sforzo economico per raggiungere davvero tutti". L'investimento pubblicitario prevede 112 avvisi stampa su 32 testate quotidiane con 52 milioni di contatti lordi; 1.200 spot sui maggiori network nazionali per 164 milioni di contatti stimati; banner, Dem, keywords, ADV, video performances sul web per oltre 60 milioni di impression; presenza sui principali canali sociali e advergame per il coinvolgimento dei fan nella diffusione di Nexive.

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi