Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 dicembre 2014 alle ore 12:30.
L'ultima modifica è del 15 dicembre 2014 alle ore 12:59.

My24

Oltre 60 realtà innovative campane hanno mostrato il meglio dei propri programmi in corso e dei progetti per il futuro ai visitatori della seconda edizione di Smau che si è tenuta per due giorni a Napoli. In vetrina sono comparsi distretti e aggregati, centri di ricerca, startup e spin off, oltre ai grandi player del mondo delle tecnologie digitali come Aruba, SAP, TeamSystem, Telecom Italia. Una occasione importante per mettere in mostra una regione che della innovazione tecnologica ha fatto un proprio cavallo di battaglia da diversi anni, nonostante i tagli dell'ultimo periodo ai finanziamenti destinati alla ricerca e alla innovazione. Regione che proprio ieri ha potuto, invertendo la tendenza precedente, dichiarare di aver raggiunto un target di spesa di fondi europei certificata (dati al novembre 2014) di più di 2 miliardi, classificandosi quarta in Italia e prima nel Mezzogiorno per gli investimenti in Ricerca ed Innovazione.

La Campania, in primis, ha presentato i programmi considerati “strategici”, come le iniziative di promozione e di sostegno alle filiere dell'aerospazio e dell'automotive; i finanziamenti finalizzati a potenziare la didattica nelle scuole e a far crescere gli enti di ricerca. E ancora il piano per la banda Ultralarga e lo sviluppo digitale. Telecom Italia è impegnata nel grande progetto della Banda Ultralarga della Regione Campania che, entro il 2015,dovrebbe assicurare la copertura di 119 comuni, dei distretti industriali e di quasi 1.500 sedi della Pa. «Tutte le azioni realizzate per il sistema di ricerca ed innovazione, compresa la nascita dei Distretti ad Alta Tecnologia, hanno creato i presupposti per la crescita del territorio», ha sottolineato il Vicepresidente della Regione e Assessore all'Università e Ricerca, Giudo Trombetti.

«La Campania presenta una grande offerta di talenti e di innovazione, racchiusa nei distretti, nei centri di ricerca, nelle startup e negli spin off - ha detto Pierantonio Macola, ad di Smau - nei prossimi mesi Smau lavorerà per favorire l'incontro con l'offerta di innovazione di questa Regione all'estero, a partire da Berlino». Hanno partecipato tra gli altri il rettore della Federico II, Gaetano Manfredi, il presidente dell'Unione Industriali di Napoli, Ambrogio Prezioso. Tredici le imprese “eccellenti” premiate allo Smau partenopeo. Tre startup a marzo parteciperanno anche alla prima edizione internazionale di Smau a Berlino: BeeSmart, IllCare e Punto Quantico. In Germania esse cercheranno di stabilire contatti con il mercato europeo, e allo stesso tempo saranno testimonianza della capacità di innovazione della regione di origine. Il premio Smart Communities è stato attribuito a 4 progetti. I vincitori sono Sma Campania, Città della Scienza, Comune di Camigliano, in provincia di Caserta e Università e Cnr.

Sma Campania, si occupa di monitoraggio ambientale, con un attenzione particolare alla ‘Terra dei Fuochi': ha realizzato progetti in collaborazione con Vodafone, che hanno previsto, oltre al pattugliamento del territorio, anche la geolocalizzazione di incendi attraverso appositi devices in dotazione alle squadre operative. E' stata inoltre avviata una prima iniziativa di partecipazione civica per la tutela del patrimonio boschivo realizzata attraverso un’app dedicata ai cittadini scaricabile su smartphone. Città della Scienza ha avviato attività legate alla ripartenza e alla ricostruzione del Science Centre realizzate in ottica di “smart city”. Il comune di Camigliano, grazie anche a un accordo stipulato con la toscana Top Tecycling, ha curato l'installazione di una eco-stazione per la raccolta degli imballaggi, conosciuta dagli abitanti come “Bancomat degli imballaggi”. Infine, Università Federico II, Cnr, Università di Salerno, di Catanzaro e Istituto Suor Orsola Benincasa hanno realizzato il progetto DriveIN2, che ha previsto la realizzazione di un veicolo, SIM-Panda, studiato per ridurre i consumi e evitare incidenti.

Ampio lo spazio occupato allo Smau dal DAC (Distretto dell'aerospazio campano) con sei aziende: Protom Group che ha presentato un sistema di proiezione di una realtà virtuale; Euro.soft, con il suo progetto su Telecomunicazioni per la Salute (Telesal) utili nelle campagne di screening mammografico; Lead Tech, che ha illustrato un sistema per l'acquisizione dei principali parametri di volo. E ancora, il consorzio ALI, che raggruppa 18 Pmi del settore aerospaziale pronto a far volare un drone scanner per il monitoraggio del territorio e l'ambiente. Tra i progetti finalisti anche PROVACI sviluppato dal distretto tecnologico “Stress” che ha come obiettivi lo sviluppo di metodologie e tecniche sostenibili per la protezione sismica, la valorizzazione e la fruizione degli edifici in muratura di interesse culturale e dei siti archeologici. Le soluzioni sviluppate sono state già applicate su siti importanti come l'Arena di Verona; il monastero di Sant'Angelo d’Ocre danneggiato dal terremoto de L'Aquila, il sito archeologico di Cerreto Sannita in provincia di Benevento.

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi